Quali strani effetti collaterali può avere il processo creativo di uno scrittore? Gabriele Salvatores, mette da parte la sua vena drammatica (Io non ho paura, Come Dio comanda) e prova a rispondere giocando la carta della commedia con Happy Family, che arriverà in sala il prossimo 26 marzo. Protagonista è Fabio De Luigi, nei panni di uno sceneggiatore che si trova a “dialogare” con i personaggi da lui inventati e a farsi “condizionare” dalle loro richieste: chi si sente trascurato e gli domanda di apparire di più, chi desidera conoscere il proprio destino: “guarirò dalla malattia?” e chi chiede di potersi innamorare. Presentate ieri nel corso della convention di 01 Distribution (che distribuirà il film) alle Giornate professionali del cinema, il regista ha mostrato alcune divertenti clip del film che hanno visto De Luigi alle prese con le difficoltà di dialogare con una massaggiatrice cinese e a tu per tu con le sue “visioni d’autore” direttamente sul monitor del suo portatile. Colonna sonora del film saranno le musiche di Simon e Garfunkel che il protagonista ascolta ininterrottamente da quando sua moglie lo ha pianatato lasciandogli il tempo di portarsi via solo il loro disco. Nel cast anche vecchie conoscenze del regista come Diego Abatantuono, Margherita Buy e Fabrizio Bentivoglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA