Un eroe in cerca di un modo per restituire la vita alla propria amata, una terra incantata ricca di luoghi misteriosi, sedici leggendari Colossi e un imperscrutabile essere ultraterreno. è il mondo di Shadow of the Colossus , un videogioco uscito nel 2005 per la "vecchia" PlayStation 2 che ha raccolto numerosi consensi da parte di critica e pubblico, tanto da guadagnarsi un posto nella classifica dei migliori titoli per la passata generazione di console. La storia del gioco vede come protagonista il giovane guerriero Wander che, in sella al suo fedele cavallo Argo, si dirige verso un antico tempio alla ricerca di un modo per riportare in vita una fanciulla di nome Mono. Una volta raggiunto questo luogo sacro e adagiato il corpo esanime della donna amata sopra un altare, il ragazzo viene a contatto con un entità chiamata Dormin, che gli propone un patto: se Wander riuscirà a uccidere i sedici Colossi che si trovano nelle Terre Proibite, Dormin riporterà in vita Mono. Il giovane eroe inizia così la sua missione, nonostante sappia che le possibilità di successo sono molto poche e che il prezzo da pagare probabilmente sarà troppo alto. I dettagli riguardo al progetto per ora sono ancora pochi. L’unica certezza è che la sceneggiatura della pellicola è stata affidata a Justin Marks, il giovane scrittore che ha curato anche l’adattamento cinematografico di un altro film legato al mondo dei videogioco, Street Fighter: La Leggenda di Chun-Li . Attualmente Sony è in trattativa con Kevin Misher (Il re Scorpione, Il tesoro dell’Amazzonia) per la produzione del film.

Ma.Ma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA