Si è suicidato lanciandosi da un ponte vicino a Los Angeles il produttore e regista cinematografico Tony Scott, 68 anni. Ancora sconosciuti i motivi del tragico gesto: Scott è stato visto parcheggiare la sua auto sul Vincent Thomas Bridge di San Pedro, da cui si è buttato intorno alle 12.30 ora locale. Ci lascia quindi un grande regista che ha firmato tantissimi film d’azione, veri e propri blockbuster, primo fra tutti Top Gun che trasformò il protagonista Tom Cruise in una star. Altri grande pellicole di successo sono Giorni di tuono, Allarme Rosso, un thriller ambientato in un claustrofobico sottomarino, Man on Fire – Il fuoco della vendetta, Déjà vu e Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana. Ma non possiamo dimenticare Spy Game, il capolavoro del 2001 con Robert Redford e Nemico Pubblico. Recentemente è stato co-produttore di Prometheus, e stava sviluppando il sequel di Top Gun. Ma i successi non sono arrivati solo dal cinema, perchè Tony insieme al fratello maggiore Ridley sono stati i produttori esecutivi di molte serie tv, tra cui Numb3r The Good Wife. Tra i primi a commentare la notizia su Twitter, il regista Ron Howard: «No more Tony Scott movies. Tragic day» («Non ci saranno più film di Tony Scott. Un giorno tragico»). (Foto Getty Images)

Il cinema di Tony Scott, una specie di rock’n’roll

Clicca qui per votare il film di Tony Scott che hai amato di più

Qui una scena di uno dei suoi film più celebri Top Gun:

Fonte: LA Times

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA