Spider-Man: No Way Home

In attesa di scoprire qualche novità sul futuro di Peter Parker, il sito CBR ha portato alla nostra attenzione una teoria che, per via della sua plausibilità, in questo periodo sta ottenendo un discreto successo tra i fan dei fumetti e dei cinecomic Marvel oltreoceano. Protagonista è Spider-Man: No Way Home, la cui trama rimane al momento top secret ma che, secondo diversi appassionati, potrebbe adattare – in parte o per intero – una delle storie dei fumetti più detestate dai fan.

Si tratta della saga scritta da J. Michael Straczynski e disegnata da Joe Quesada, pubblicata nel nostro Paese con il titolo Soltanto un altro giorno. La vicenda è ambientata poco dopo i fatti di Civil War, che sono costati a Peter Parker la perdita del suo anonimato: tutti conoscono la sua identità, nemici inclusi. Un dettaglio che minaccia la sicurezza di tutte le persone care all’eroe. A pagare il prezzo più alto è la zia May, che dopo essere stata colpita da un proiettile viene ricoverata in fin di vita, lasciando ben poche speranze per una sua guarigione. A quel punto, Spidey si imbatte nel demone Mefisto che gli propone di fare un patto col Diavolo, affermando che solo lui può salvare la donna. Cosa dovrà offrire Peter in cambio? Non la sua anima come ci si aspetterebbe, bensì la sua felicità. E per donarla, deve annullare il matrimonio con Mary Jane. Dopo una lunga discussione, i due accettano l’offerta, che diventa realtà: la zia May non muore, tutti dimenticano la vera identità di Spider-Man e la loro relazione finisce definitivamente.

Dopo la pubblicazione tantissimi lettori si infuriarono con la Marvel, tanto che la condanna nei confronti dell’opera non si limitò a partire dal pubblico, ma arrivò anche dalla critica, che definì Soltanto un altro giorno il peggior fumetto dell’anno tra le pubblicazioni della Casa delle Idee, nonché una subdola mossa commerciale. Insomma, non piacque nemmeno un po’.

Ad alimentare i sospetti dei fan convinti che i Marvel Studios vogliano portare proprio questa storia sul grande schermo, è soprattutto il fatto che collimerebbe alla perfezione con il finale di Far From Home, dove non solo il mondo intero scopre l’identità di Peter, ma finisce anche per considerarlo un villain a causa dei falsi filmati di Mysterio. Questo metterebbe senz’altro in serio pericolo sia la zia May che tutti i suoi amici.

Ovviamente, sarebbe prematuro pensare ad un matrimonio con MJ. Ma è possibile che gli Studios decidano di limitarsi a troncare la loro relazione o peggio, a rivisitare la storia originale facendo morire direttamente la zia May, che è anche una delle ipotesi più diffuse tra i fan, essendo la loro love story ancora agli inizi. Insomma, di Soltanto un altro giorno arriverebbe sullo schermo la parte in cui la rivelazione dell’identità di Peter ha come conseguenza l’attacco mortale contro il personaggio interpretato da Marisa Tomei, condannando Spidey ad un nuovo, tragico lutto dopo quello del mentore Iron Man.

Cosa ne pensate? Credete che questa teoria su Spider-Man: No Way Home abbia senso?

Foto: MovieStills

© RIPRODUZIONE RISERVATA