La chimera, cioè la creatura ibrida, da sempre sogno proibito dell’Uomo che si sostituisce alle leggi della Natura, sta per tornare protagonista del cinema horror e di fantascienza.  Arriva infatti Splice, film diretto dal canadese di origini italiane Vincenzo Natali (Cypher, Cube), che racconta la storia di due scienziati, interpretati da Adrien Brody (Manolete) e Sarah Polley (Mr. Nobody), alle prese con una donna il cui DNA è stato mescolato con quello di più animali. Come da manuale la creatura, battezzata Dren (Delphine Chanéac), dotata di ali e pungiglione e in grado di respirare sott’acqua, finirà per ribellarsi ai propri creatori, seminando terrore e morte intorno a sé. Dal trailer italiano, che potete vedere qui sotto, si evincono le stesse atmosfere claustrofobiche e “malate” del film d’esordio del regista, Cube – Il cubo (1997), in cui 7 estranei si ritrovavano prigionieri di un labirinto pieno zeppo di trappole, composto da stanze cubiche collegate tra loro. Il film richiama inoltre indubbiamente Specie mortale (Roger Donaldson, 1995), che segnò l’esordio della carriera della conturbante Natasha Henstridge nei panni della protagonista, una letale donna-chimera il cui patrimonio genetico era frutto di una contaminazione con del DNA alieno. Titolo quanto mai appropriato, “Splice”: in inglese significa infatti “montare insieme spezzoni di pellicola”; in questo caso, spezzoni di DNA. Uscito negli States il 4 giugno, Splice approderà nelle nostre sale il 13 agosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA