Sono dovuti passare più di 40 anni, ma alla fine Patterns of Force (Gli schemi della forza in Italia) è arrivato anche in Germania. Per chi non conosce Star Trek il titolo potrebbe non voler dire molto, ma questo episodio della seconda stagione è uno dei più controversi e provocatori mai usciti, e uno di quelli di cui i fan parlano più spesso.

La trama in breve: in un momento non meglio precisato dei suoi viaggi (l’episodio è uno dei pochi a non menzionare una data astrale all’inizio), l’astronave Enterprise viene incaricata di andare alla ricerca di John Gill, uno dei professori del capitano Kirk alla Starfleet Academy. Gill si è rifugiato sul pianeta Ekos, un avamposto tecnologicamente avanzatissimo (dotato anche di armi nucleari) e governato da una sorta di versione “reloaded” del partito nazista, con tanto di uniformi e simboli. Vi risparmiamo i dettagli della puntata per evitare spoiler, ma vi basti sapere che, tra le altre cose, si fa riferimento a quella nazista come alla «più perfetta società mai creata» e a una “soluzione finale” per eliminare gli abitanti del vicino pianeta Zeon (i «maiali»).

Ovviamente i riferimenti nazisti non sono presentati con tono enfatico e propagandistico ma piuttosto critico e ammonitorio, ma, considerando che la puntata è andata in onda per la prima volta nel 1968, non stupisce pensare che la Germania, che si era liberata della dittatura del nazismo da appena vent’anni, preferisse non mostrare certe immagini al suo pubblico (la seconda stagione andò in onda “monca”). Oggi, finalmente, il tabù è caduto e la tv teutonica ha trasmesso quella puntata.

Qui sotto potete vedere il trailer della puntata:

© RIPRODUZIONE RISERVATA