Dopo aver vestito i panni di Brienne di Tarth nella serie cult Il trono di spade (grande vincitrice agli ultimi Emmy Awards), Gwendoline Christie si prepara ora per l’arrivo dell’attesissimo Star Wars: Episodio VII – Il risveglio della forza, dove interpreta Captain Phasma, personaggio che ha la particolarità di essere coperto dalla testa ai piedi, e dunque potenzialmente misterioso e ambiguo.

Spiega: «Non credo che molte attrici femminili abbiano l’occasione d’interpretare un ruolo in cui non si debbano preoccupare del modo in cui appare la loro faccia, ma l’ho trovato molto simile a Brienne di Tarth, ed è stato liberatorio. Come attrice, è stato bello lavorare sulle tue capacità, che non riguarda il fatto di tenere la testa in una certa maniera per apparire bella. Riguarda ciò che trasmetti (..). È una diversa tipologia di donna che esibisce una forma di potere».

Prosegue l’attrice sulla femminilità di Captain Phasma: «Ho dovuto focalizzarmi su ciò che il mio corpo e la mia voce stavano  comunicando. La maniera in cui tieni la mano, il modo in cui cammini, dove porgi il peso e cosa vuoi che questo significhi. Volevo dare un’identità al personaggio, e ho pensato fosse interessante renderlo identificabile come una donna in maniera non superficiale. Spero di esserci riuscita».

Insomma, che l’attrice stia diventando particolarmente specializzata in personaggi femminili forti e poco usuali per gli standard di Hollywood? Oltre a Game of Thrones e Star Wars, infatti, prossimamente la vedremo anche in Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte II, dove ricopre un altro ruolo di donna potente, quello della comandante Lyme!

Fonte: Variety

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA