Sin dal primo trailer di Star Wars: Il risveglio della Forza, i fan hanno iniziato a speculare su chi potesse essere in realtà il misterioso Kylo Ren (Adam Driver), l’intrigante personaggio mascherato con la spada laser crociata che sin dalla sua prima apparizione ha mandato in visibilio l’intero fandom della saga creata da George Lucas. Chi si nasconde in realtà dietro la maschera? E Perché ha una spada laser di colore rosso ma non viene chiamato Darth?

Grazie al coverage nel nuovo numero di Empire (qui le due cover), J.J. Abrams ha dato qualche risposta in merito, in particolare sul perché non sia un Darth: «È semplice: Kylo Ren non è un Sith!». In effetti, molti fan avevano già ipotizzato qualcosa di simile, ma ora arriva la conferma di Abrams, che aggiunge: «Lavora sotto un leader supremo di nome Snoke, una potente figura legata al Lato Oscuro della Forza».

Snoke, come già riportato, è un personaggio creato in performance capture e interpretato da Andy Serkis, la cui voce può essere sentita echeggiare in sottofondo nel primo trailer del film. Oltre alle informazioni su Ren, Abrams ha speso qualche parola riguardo allo status dell’Universo all’inizio de Il risveglio della Forza, parlando anche delle origini del Primo Ordine, che non è composto da rimasugli dell’Impero come ipotizzato da molti:

«Tutto nasce da una conversazione in merito a cosa sarebbe successo se tutti i Nazisti si fossero spostati in Argentina e avessero continuato a lavorare insieme. Cosa potrebbe nascere da tutto ciò? Potrebbe il Primo Ordine esistere come un gruppo che effettivamente ammira l’Impero? Può il lavoro dell’Impero essere visto come insoddisfacente? E se Vader fosse un martire? Potrebbe esistere la necessità di guardare attraverso tutto ciò che non è stato fatto?».

Star Wars: il risveglio della Forza uscirà nella nostra sale il 16 dicembre.

Quali sono i vostri ricordi più belli di Star Wars? I nostri li abbiamo raccolti nello speciale Star Wars Memories, sei video tematici in cui vi raccontiamo ciò che ci lega di più alla saga sci-fi. Li trovate nella playlist di seguito (per vederli uno ad uno cliccate qui)

Fonte: Empire

© RIPRODUZIONE RISERVATA