Malgrado il formidabile successo della serie di videogiochi Halo, il cui terzo e ultimo capitolo ha incassato 170 milioni di dollari in 24 ore e 300 milioni nella prima settimana di presenza sugli scaffali solo negli Stati Uniti (meglio di quanto abbia fatto il blockbuster cinematografico Spider-Man), il film dedicato all’universo fantascientifico di Microsoft potrebbe non vedere mai il buio delle sale cinematografiche. Il progetto, varato da Universal Pictures e 20th Century Fox alcuni anni fa, era già stato abbandonato nel 2006 per problemi di budget, lievitato ben oltre i 135 milioni di dollari previsti inizialmente. Coinvolgendo diversi personaggi di spicco del mondo cinematografico come Stuart Beattie (Collateral e La Maledizione della Prima Luna) a cui sarebbe stata affidata la sceneggiatura e Peter Jackson (Il Signore degli Anelli, King Kong), come produttore esecutivo, il film avrebbe dovuto essere un adattamento di Halo:
Fall of Reach
, primo capitolo della trilogia di romanzi firmata da Eric Nylund. Jackson, fan del videogame e accanito giocatore, avrebbe fatto di tutto per salvare la lavorazione del film convincendo Universal a spostare set e produzione in Nuova Zelanda, con un risparmio di circa 20 milioni di dollari, ma avrebbe anche rifiutato la richiesta di ridurre sensibilmente il suo compenso. In seguito Universal avrebbe ripreso il timone della produzione cercando di portarla a termine, ma avrebbe ora deciso di bloccare tutto in virtù di una presunta debolezza del brand al di fuori degli Stati Uniti. Le chance di vedere al cinema Master Chief (il protagonista del videogame) sono quindi tramontate definitivamente? Difficile dirlo, ma vale la pena segnalare che il progetto ha sempre avuto in Peter Jackson un accanito sostenitore, che la pre-produzione del film è già stata effettuata presso gli stabilimenti neozelandesi della Weta, che i diritti su Halo appartengono a Microsoft e che la società di Bill Gates ha ripetutamente dichiarato la sua volontà di riuscire nell’impresa, a patto di trovare partner convinti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA