Nato nel 1936 sulle frequenze WXYZ, radio locale di Detroit, Green Hornet è un supereroe d’altri tempi: gaudente miliardario a capo di un impero editoriale di giorno, la notte indossa cappello e mascherina per combattere il crimine, alla guida della sua Chrysler modificata di nome Black Beauty e in compagnia del fido assistente Kato. Un po’ come Batman, ma con più ironia e uno spirito visionario, naïf e quasi goliardico. Un invito a nozze per Michel Gondry, un maestro dell’“arte del sogno” che ha deciso di portare al cinema le avventure del Calabrone. Che ha la faccia – e il fisico da medioman – di Seth Rogen (Strafumati, Zack and Miry Make a Porno), accompagnato in quest’avventura da Jay Chou, popstar taiwanese e attore da noi ancora sconosciuto; Green Hornet dovrà vedersela con un uomo di nome Chudnofsky, a cui presta il volto Christoph Waltz, già eccezionale e inquietante poliziotto delle SS in Bastardi senza gloria. Non manca neanche l’irrinunciabile pupa dell’eroe, un’imperturbabile Cameron Diaz. Ci sono tutti gli ingredienti di una classica storia di supereroi, insomma, sul filone dell’ “uomo comune che si improvvisa paladino della città” rilanciato di recente da Watchmen. La marcia in più la danno l’inconfondibile stile visivo di Gondry e il talento comico di Seth Rogen, sempre più campione della risata intelligente. Perché The Green Hornet promette proprio questo: botte, criminali, ma anche tanto, tanto divertimento.

Regia: Michel Gondry
Interpreti: Seth Rogen, Christoph Waltz, Cameron Diaz, Tom Wilkinson
Trama: Alla morte del padre, Britt Reid riceve un’importante eredità e per la prima volta nella sua vita decide di fare qualcosa di importante: combattere il crimine…
Online: www.thegreenhornet.it

Guarda il trailer

La scheda è pubblicata su Best Movie di gennaio a pag. 84

© RIPRODUZIONE RISERVATA