the suicide squad

Mentre The Suicide Squad continua la corsa al botteghino con i suoi antieroi un po’ sfigati, il regista James Gunn è tornato a parlare della sua genesi rivelando alcuni interessanti retroscena sulla scelta del villain e sull’esclusione di Superman dal progetto.

In origine, come vi abbiamo già anticipato in un precedente articolo, l’autore aveva pensato di includere nel cinecomic l’uomo d’acciaio dell’Universo DC, trasformandolo però in un vero e proprio antagonista. In sostanza, niente Starro venuto dallo spazio: sarebbe stato il personaggio di Henry Cavill a scontrarsi con la squadra suicida.

«Quando iniziai a scrivere The Suicide Squad, una delle idee era che avrebbero dovuto combattere contro Superman. La Suicide Squad lo avrebbe catturato per qualche motivo. Magari perché stava esagerando, era fuori controllo, controllato da qualcuno. E questo gruppo di supervillain un po’ scadenti si sarebbe dovuto trovare ad affrontare l’eroe più potente al mondo».

Il vero motivo per cui l’idea non è andata in porto? Gunn lo ha spiegato in un’intervista con Script Apart:

«All’epoca, c’erano molte domande, come ad esempio: ‘Chi è Superman nel DCEU? Questo film fa parte o meno del DCEU? In sostanza non volevo occuparmene troppo di questioni simili».

Come chiarisce l’autore, alla fine è stato molto più semplice puntare su Starro, un personaggio nuovo sul grande schermo e molto più d’impatto a livello visivo, proprio come i tradizionali kaiju protagonisti dei più celebri monster movie della storia.

Superman viene comunque menzionato nel film grazie a Bloodsport, che stando alle dichiarazioni di Amanda Waller, è stato arrestato proprio per aver mandato l’eroe in terapia intensiva dopo averlo colpito con un proiettile di kryptonite. Un piccolo omaggio all’idea originale dell’autore.

The Suicide Squad, ricordiamo, vanta un cast che comprende Margot Robbie (Harley Quinn), Joel Kinnaman (Rick Flag), Jai Courtney (Captain Boomerang), Idris Elba (Bloodsport), John Cena (Peacemaker), David Dastmalchian (Polka-Dot Man), Pete Davidson (Blackguard), Nathan Fillion (T.D.K.), Daniela Melchior (Ratcatcher II), Alice Braga (SolSoria), Michael Rooker (Savant), Sean Gunn (Weasel), Peter Capaldi (Thinker), Flula Borg (Javelin) e Viola Davis (Amanda Waller).

© RIPRODUZIONE RISERVATA