Se la terza serie di The Walking Dead aveva un po’ messo da parte il fattore zombie come pericolo numero uno per i protagonisti della serie, per concentrarsi sullo scontro tra Rick e il Governatore, la quarta stagione tornerà a parlare la lingua degli walkers, come vengono chiamati in gergo i non morti. Intervistato da Tv Guide, Robert Kirkman, il creatore del ciclo narrativo a fumetti su cui è basata la pluripremiata serie AMC (di cui è anche il produttore esecutivo), è tornato a parlare dei nuovi episodi, che il 13 ottobre arriveranno sui canali americani. Tante le novità in arrivo, tra nuovi personaggi e il ritorno di una “vecchia” minaccia: gli zombie, appunto. «Dobbiamo ricordare alle persone quanto siano realmente pericolosi gli zombie – ha dichiarato -. Non ce ne siamo dimenticati, ma durante la terza stagione ci siamo concentrati più sul Governatore come big villain. La quarta stagione tornerà a concentrarsi interamente sugli zombie: saranno molto più presenti e rappresenteranno la minaccia principale per tutti».

Non morti più agguerriti che mai, dunque. E, come se non bastasse, non saranno l’unico pericolo che Rick e soci dovranno affrontare: «Daremo spazio ad un’altra minaccia: madre natura stessa. Non voglio svelarvi troppo, ma ci sarà una seconda forza incontrollabile che attaccherà violentemente i protagonisti nel loro momento di maggiore vulnerabilità».

Il brand The Walking Dead avrà un suo panel al Comic-Con di San Diego, il quale, oltre a presentare la nuova, attesissima stagione, celebrerà i dieci anni della serie a fumetti. Anniversario di cui Kirkman è particolarmente orgoglioso: «Non sembrano passati già così tanti anni. Ai fan dei fumetti dico che possono stare tranquilli: nella quarta stagione molte situazioni dei comic book veranno adattate quasi per filo e per segno. Saranno piacevolmente sorpresi… ».

Non ci resta che sintonizzarci con San Diego per ulteriori aggiornamenti, in attesa del 13 ottobre.

Fonte: Tv Guide

© RIPRODUZIONE RISERVATA