Iron Man, Thor, Capitan America, Hulk e gli altri: più che un team di supereroi, Avengers sembra una parata delle stelle più brillanti del firmamento Marvel. Eppure c’è qualcuno che, zitto zitto, è forse l’elemento più importante della squadra, e sicuramente il più presente. Stiamo parlando, naturalmente, del capo di tutti quanti, Nick Fury alias Samuel L. Jackson, boss dello S.H.I.E.L.D. che è apparso in tutti i film della Fase Uno della Marvel e si prepara a rispuntare qui e là anche nell’ambito della Fase Due. E tra i film più attesi di questa ondata che porterà dritti dritti ad Avengers 2 c’è Captain America: The Winter Soldier, sequel del film di Joe Johnston nel quale Jackson riprenderà il ruolo che l’ha fatto amare dai fumettari di tutto il mondo. Intervistato da USA Today riguardo al suo personaggio, Jackson ha dichiarato alcune cose interessanti, che vi riportiamo qui sotto:

«Vedrete Nick Fury in versione “uomo da ufficio”, vedrete il suo lavoro quotidiano allo S.H.I.E.L.D. e il suo rapporto con la politica. È bello per lui poter parlare con Capitan America da pari, da soldato a soldato, e discutere dei cambiamenti nel mondo da allora, di come i nostri vecchi nemici siano ormai nostri amici e così via».

«Quando ho a che fare con Natasha (Romanoff, cioè Vedova Nera, cioè Scarlett Johansson, ndr) divento una figura quasi paterna, la amo in un modo diverso da quanto voglio bene agli altri. Conosco il suo passato e il tipo di persona che è. COn lei devo trattare in modo completamente diverso da come tratto con gli altri».

Per concludere, Jackson ha parlato anche dell’immancabile Agents of S.H.I.E.L.D., sul quale ha dichiarato:

«Non so se ci sarò. Ma se mi chiamassero, e l’ho detto a Joss, voglio che mi facciano fare tipo Charlie di Charlie’s Angels. Voglio che si senta solo la mia voce che spiega loro cosa fare».

Fonte: Collider

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA