La conglomerata Time Warner dovrà dividere i diritti di sfruttamento del personaggio di Superman con gli eredi del suo creatore. Un giudice federale della California ha dato ragione alla moglie e alla figlia di Jerome Siegel, uno dei due inventori del fortunato personaggio. Nel 1938 Siegel e il suo socio Joseph Shuster avevano venduto l’esclusiva su Superman alla DC Comics per 130 dollari, ma il contratto è scaduto nel 1999. Anche se i diritti internazionali restano a Time Warner, partirà un processo cui è affidato il compito di quantificare il rimborso agli eredi per lo sfruttamento del personaggio dal ’99 a oggi. I problemi sorgono per Warner in merito ai progetti di altri sequel sul personaggio e al film Justice League of America, diretto da George Miller, che avrebbe dovuto essere in sala nel 2009 con protagonisti i maggiori eroi di casa DC Comics tra cui Superman. Nel caso in cui questa decisione superasse l’appello di Time Warner, le due famiglie di eredi potrebbero ottenere il controllo dello sfruttamento del supereoe almeno fino al 2033.

© RIPRODUZIONE RISERVATA