Pensavate di averle viste tutte? Allora preparatevi all’ultima trovata di casa DreamWorks (quella che ha dato i natali all’orco Shrek per intenderci): un panda extralarge con la passione sfrenata per il Kung Fu. Con un futuro già scritto nella spaghetteria di famiglia, il paffuto Po, protagonista di Kung Fu Panda (Universal, 740 copie), si troverà proiettato (letteralmente) all’interno dei suoi più insperati sogni quando un’antica profezia lo indicherà come il guerriero dragone cui spetterà il delicato e intrepido compito di proteggere tutta la popolazione dal temibile leopardo delle nevi Tai Lung. Un incarico apparentemente impossibile, una grande forza di volontà sostenuta da un maestro degno di tale nome… e la morale della favola è dietro l’angolo. Dai toni allegri e adatti a tutta la famiglia si passa a quelli più cupi e torbidi del thriller Sex List – Omicidio a tre (Mikado, 210 copie) in cui Ewan McGregor è un anonimo revisore contabile che dopo una lunghissima giornata di lavoro accetta l’invito a trascorre una serata alternativa in compagnia di un avvocato apparentemente rispettabile (Hugh Jackman). Scopre così che i professionisti come lui dopo l’ufficio frequentano locali equivoci in cui “comprano” serate di sesso con donne bellissime e finisce per lasciarsi coinvolgere in un giro molto più pericoloso del previsto. Azione e fantascienza animano invece Doomsday (Medusa, 200 copie) di Neil Marshal, in cui un virus letale chiamato “Il Mietitore” contamina milioni di persone sulle isole britanniche. Un altro tipo di “calamità” è quella raccontata in Animanera di Raffaele Verzillo (Medusa, 40 copie), in cui un rispettabile amministratore condominiale, non riesce a frenare il suo istinto pedofilo. Singolare e sagace è infine Eldorado Road (Archibald Enterprise Film, 21 sale) di Bouli Lanners selezionato alla Quinzaine des realisateurs dello scorso festival di Cannes (Premio Europa Cinema per il miglior film). La storia è quella di un giovane che deciso a truffare un commerciante d’auto d’epoca finirà invece per ottenere la sua benevolenza. Partendo con i toni della commedia brillante il film pone la lente sul tema dalla difficoltà di comunicare con un crescendo di situazioni divertenti e al tempo stesso toccanti.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA