Una guerra senza esclusione di colpi in cui Batman diventa John Connor. È lo scontro apocalittico che questo weekend vedrà Christian Bale togliersi il mantello del Cavaliere oscuro per indossare i panni di un nuovo John Connor e dichiarare ancora una volta guerra alle macchine in Terminator Salvation. Un concentrato di suspense, truffe e colpi di scena è la promessa di Ca$h, con Jean Reno, Jean Dujardin e la nostra Valeria Golino (intervistata per voi sulle pagine di Best Movie di giugno), mentre sarà l’horror Visions a soddisfare chi è in cerca di emozioni forti e a trascinare gli spettatori più coraggiosi nella tela in cui il killer al centro della storia imprigiona le sue vittime. Ci trasferiamo a Parigi per vivere il dramma raccontato ne L’amore nascosto con Isabelle Huppert, in cui la storia di un tormentato rapporto madre e figlia assume i toni della “tragedia greca”. Una traversata oceanica ci aspetta infine in sala con il film-documentario della Disney Morning Light che ci permetterà di rivivere l’avventura di un gruppo di giovani velisti che nel 2007 sfidò le onde del Pacifico partecipando alla Transpac Yatch Race, una delle più famose competizioni nautiche al mondo.

Terminator Salvation: Se ne è parlato tanto e ora finalmente arriva anche in Italia il nuovo capitolo della saga cominciata nel 1984. Con l’abbandono del suo interprete cult, Arnold Schwarzenegger, e la new entry Christian Bale,Terminator Salvation prosegue l’epica avventura cinematografica di John Connor che in un futuro post-apocalittico (siamo nel 2018) è ormai pronto a condurre la resistenza contro le macchine. L’incontro con lo straniero Marcus (Sam Worthington) condurrà John Connor al cuore delle operazioni di Skynet e a una terribile verità. Il film, potrebbe essere il primo di una nuova trilogia e ha incassato 90 milioni di dollari negli Usa e 119 nel mondo.

Ca$h: Truffe, alleanze, tradimenti e una girandola di colpi di scena in cui nulla è ciò che appare: questo il condimento della commedia d’azione Ca$h di Eric Besnard (sceneggiatore di Babylon A.D.). Protagonista è Cash (Jean Dujardin), fascinoso imbroglione che organizza il colpo della storia ai danni niente meno che del più quotato dei truffatori, tale Maxime Dubreuil (Jean Reno). Alle calcagna però Cash si ritrova la tenace ispettrice dell’Europol interpretata da Valeria Golino. Il regista, che tra le ispirazioni ha citato Butch Cassidy e L’Affaire Thomas Crown, per il suo film, garantisce “una fine all’altezza delle promesse”: «Sono partito dal finale, dicendomi che se mi lanciavo in questo film, la conclusione doveva assolutamente essere degna della suspense. È stata la mia ossessione sin dall’inizio, solo in seguito ho lavorato alla meccanica».

Visions: “Questa volta non ci sarà una buona visione”: lo promette il trailer di Visions, e stando alle immagini – che in quanto a visioni macabre e alta tensione non lesinano – non è difficile crederci. L’horror firmato dall’italiano Luigi Cecinelli, al suo debutto con un lungometraggio, ci trascina nella tela del Ragno ordita dal killer ribattezzato Spider proprio per la sua abitudine di imprigionare le vittime. Le visioni del titolo sono quelle del malcapitato protagonista (Henry Garrett), un paziente appena riemerso da un coma che gli ha causato un’amnesia totale e che inizia a essere tormentato nel sonno dalle torture inflitte alle vittime dall’assassino. Sulle tracce di quest’ultimo si metteranno lo psichiatra Fredrick Leeme (Steven Matthews) e una giornalista (Caroline Kessler).

L’amore nascosto: I misteri e i segreti che si celano nei complessi meandri di un rapporto madre-figlia vengono a galla nel drammatico L’amore nascosto. Isabelle Huppert è una donna ricoverata in una clinica privata dopo l’ennesimo tentativo di suicidio e costretta a fare i conti col proprio passato per scoprire la verità sul rancore e l’odio che prova verso sua figlia (Mélanie Laurent). L’autoanalisi la condurrà alle radici di questa tormentata relazione in una storia dai toni tragici e ambientata nella Parigi di oggi.

Morning Light: Walt Disney Pictures ci fa volare sulla cresta delle onde oceaniche in compagnia dell’intrepido equipaggio della Morning Light, la barca a vela guidata da quindici giovani marinai che nel 2007 decisero di sfidare i più grandi professionisti del settore nel corso della più prestigiosa competizione nautica al mondo: la Transpac Yatch Race. Circa 2.300 miglia di sogni, emozioni, paure e fatica da percorrere tra Los Angeles e Honolulu per un traguardo che non a tutti sarà dato di tagliare…

© RIPRODUZIONE RISERVATA