Come promesso fin dai tempi delle riprese esce oggi, giorno di San Valentino, la pellicola che segna il debutto alla regia di Silvio Muccino (nella foto) Parlami d’amore (01 Distribution, in 755 sale). Basato sull’omonimo romanzo scritto a quattro mani dallo stesso Muccino con Carla Vangelista, il film racconta la storia di Sacha (Muccino), giovane con un passato difficile, e deciso a conquistare Benedetta (Carolina Crescentini), che ama da sempre e che non vede dall’età di otto anni. Ad aiutarlo nell’impresa la 40enne Nicole (l’italo-spagnola Aitana Sánchez Gijón) con la quale il ragazzo instaurerà un rapporto molto profondo. In esclusiva per voi i due protagonisti si sono raccontati davanti alle nostre telecamere in una lunga intervista che potete vedere cliccando qui. Domani, venerdì 15, debutta invece Il petroliere (Walt Disney, in 110 copie), film di Paul Thomas Anderson che, forte delle sue otto nomination all’Oscar, è già tra i protagonisti del panorama cinematografico di quest’anno. Già premiatissimo il suo principale interprete Daniel Day-Lewis che, grazie alla parte del suo tenace cercatore di oro nero Daniel Plainview, ha già conquistato un Golden Globe e ha trionfato ai Bafta. Gli fa compagnia sul cartellone un altro pluricandidato agli Academy Awards (4 per l’esattezza) Lo scafandro e la farfalla (Bim, su 66 schermi) di Julian Schnabel, già premiato al Festival di Cannes per la miglior regia. Interpretato da Mathieu Amalric ed Emmanuelle Seigner, è ispirato all’autobiografia di Jean-Dominique Bauby, caporedattore di Elle France che a metà degli anni ’90 fu colpito da un ictus che lo immobilizzò completamente ad eccezione della palpebra sinistra. Rimasto perfettamente lucido e cosciente, Bauby riuscì a trovare il modo di evadere dal metaforico scafandro in cui si sentiva bloccato arrivando incredibilmente a pubblicare un libro. Si allunga la lista dei titoli “laureati” con Away From Her – Lontano da lei (Warner Bros, in 32 sale), film indipendente candidato all’Oscar per l’interpretazione di Julie Christie, già vincitrice del Golden Globe; firma la regia la 30enne Sarah Polley, attrice molto amata e vista tra gli altri ne La vita segreta delle parole di Isabel Coixet, che ha scritto la sceneggiatura basandosi su un racconto di Alice Munro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA