è giunto il giorno che i fan di Indiana Jones aspettavano da anni. Riunita la squadra di sempre, George Lucas, Steven Spielberg e Harrison Ford, lo studioso più venerato del grande schermo è pronto a dimostrare a tutti di non aver perso lo smalto di un tempo. Scrollatosi di dosso i nazisti, stavolta il dottor Jones stavolta dovrà vedersela coi sovietici per recuperare il preziosissimo Teschio di Cristallo di Akator, oggetto di presunta provenienza aliena, dagli incredibili poteri. Presentato fuori concorso all’ultimo Festival di Cannes, Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo vede nel cast anche vecchie conoscenze come Karen Allen (la Marion de I predatori dell’arca perduta) e new entry come Shia LaBeouf, Cate Blanchett e Ray Winstone. Sempre dal cartellone di Cannes, dov’era tra le proiezioni speciali fuori concorso, arriva in sala anche Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana (01 Distribution, in 157 copie), con Luca Zingaretti e Monica Bellucci nei panni di Osvaldo Valenti e Luisa Ferida, due eccentrici divi e amanti del Ventennio, trovati fucilati dai partigiani dopo la Liberazione. Brividi freddi si preparano a scivolare lungo la schiena con La setta delle tenebre (Eagle in 130 sale), thriller diretto da Sebastian Gutierrez in cui Lucy Liu è Sadie, una giovane reporter che, imbattutasi in una setta che venera i non-morti, si sveglia all’interno di un obitorio e si accorge di essere diventata una vampira. Toni drammatici anche quelli di Reservation Road di Terry George (Warner, in 103 sale), in cui Joaquin Phoenix e Jennifer Connelly si misurano col dolore della perdita di un figlio e il desiderio di vendetta verso colui che gliel’ha incidentalmente ucciso senza assumersi la responsabilità. Una vera dichiarazione d’amore per la settima arte arriva da Michel Gondry con lo stralunato Be Kind Rewind – Gli acchiappafilm (Bim, in 94 copie). Un fulminatissimo Jack Black ne combinerà una più grossa del solito, smagnetizzando (dopo un tentativo di sabotaggio a una centrale elettrica) tutte le cassette del videonoleggio in cui lavora il suo amico Mike (Danny Glover). Per rimediare al danno prima che il vecchio proprietario torni, i due si improvviseranno registi, girando versioni amatoriali dei film che hanno fatto la storia del cinema, riscuotendo tra i clienti un insperato successo. Cinque giovani aspiranti attrici sono invece al centro de Il nostro messia (Apocalypse Flower) diretto e interpretato da Claudio Serughetti. Le ambizioni di Tita, Vanessa, Sofia, Victoria e Pauline si accendono quando conoscono Julien, sceneggiatore giunto a Roma per girare il suo primo film. Un incontro che darà luogo a conseguenze inattese…

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA