è già stata coniata una nuova definizione per il film con cui i fratelli Vanzina inaugurano un filone tutto estivo di commedia nazionalpopolare: il “cinecocomero”. Tentando di bissare il costante successo (su cui Medusa sembra prontissima a scommettere distribuendo il film in ben 700 sale) dei cinepanettoni natalizi, Un’estate al mare traghetterà gli italiani in 7 diverse località balneari insieme a un plotone di personaggi noti al grande pubblico e presi in prestito dal mondo televisivo: tra loro le bellezze nostrane e straniere Alena Seredova, Vittoria Silvstedt, Marisa Jara, Nancy Brilly e Anna Falchi e comici di richiamo come Massimo Ceccherini, Lino Banfi, Biagio Izzo, Enzo Salvi, Enrico Brignano, Ezio Greggio. Trait d’union tra le storie la voce narrante di Gigi Proietti, nel ruolo di un doppiatore smemorato protagonista anche dell’episodio conclusivo del film. Ispirato a un romanzo di James Ellroy è il noir La notte non aspetta (Fox, in 250 sale), diretto da David Ayer e interpretato da Keanu Reeves, Forest Whitaker e Hugh Laurie. Reeves è Tom Ludlow, un poliziotto del Dipartimento di Polizia di Los Angeles sul quale penderà una pesante accusa di omicidio, dopo l’uccisione del suo partner di lavoro. Per i più piccoli arriva questo weekend il film di animazione Impy e il mistero dell’isola magica (Mediafilm Su 133 schermi) di Reinhard Klooss e Holger Tappe. Protagonista qui è un piccolo tenero dinosauro sbucato da un uovo comparso sull’isola di Tikiwu. Accudito da tutti gli animali del posto diventerà oggetto del desiderio di un misterioso re che turberà la serenità del luogo. Brividi freddi correranno lungo le schiene con l’horror Rovine (Universal, 50 sale) di Carter Smith, dove un gruppo di amici giunto in Messico per le vacanze finirà per perdersi andando incontro a qualcosa di totalmente inaspettato. Remake di quello che segnò l’esordio alla regia di Sidney Lumet La parola ai giurati è invece il thriller psicologico 12 (01 Distribution) del russo Nikita Mikhalkov, visto all’ultima edizione del Festival di Venezia. Ambientato totalmente all’interno di una palestra racconta di dodici giurati impegnati a decidere all’unanimità della sorte – ormai segnata – di un giovane ceceno accusato di parricidio. Nel meccanismo qualcosa si inceppa, a causa dei dubbi insinuati da un giurato in tutti gli altri che, poco a poco, rivedranno le proprie posizioni, rendendo la sentenza più difficile del previsto. Un gioco diabolico e tragicomico messo in atto da un ricchissimo ed eccentrico signore nei confronti di un perfetto sconosciuto è al centro della commedia di Sandro Baldoni Italian Dreams (Lucky Red, in 5 sale), con Ivano Marescotti, Teco Celio e Silvia Cohen.

Al.Za.

© RIPRODUZIONE RISERVATA