Il regista di Tron Legacy, Joseph Kosinski, e il produttore dell’atteso sequel del cult movie anno Ottanta Tron, Sean Bailey, si coalizzeranno nuovamente per dare vita al remake di un’altra pellicola fantascientifica del 1979, anch’essa rimasta negli annali, The Black Hole – Il buco nero. Il film, diretto da Gary Nelson, costò 20 milioni di dollari e ne incassò 25 ai botteghini americani, classificandosi così al tredicesimo posto degli incassi dell’anno. Nella trama originale una nave da esplorazione terrestre, la USS Palomino, scopre un buco nero con all’interno una nave dispersa da oltre vent’anni, la USS Cygnus. L’equipaggio della nave, inoltre, scopre che l’unico sopravvissuto è il dottor Hans Reinhardt (interpretato da Maximilian Schell), che vive da anni insieme a centinaia di robot, comandati dall’automa muto Maximillian. In breve tempo, gli ospiti di Reinhardt si rendono conto che i robot nascondono un segreto terribile, che spiegherebbe la scomparsa del resto dell’equipaggio della nave ritrovata. Il remake segnerà il ritorno dell’automa Maximillian, ma le teorie scientifiche riguardanti i buchi neri saranno più vicine alla realtà rispetto alla pellicola originale. A scrivere la sceneggiatura è stato chiamato Travis Beacham, autore anche dello scritp del remake di Scontro tra titani, al cinema dal 2 aprile 2010. Mentre è ancora un mistero l’uscita de Il buco nero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA