Abbiamo da poco visto Benicio Del Toro nello splendido thriller Sicario di Denis Villeneuve, mentre Will Smith sarà protagonista delle festività natalizie con il dramma sportivo Concussion, nel quale vestirà i panni del Dottor. Bennet Omalu, neuropatologo di origine nigeriana a cui si deve la scoperta della CTE (encefalopatia cronica traumatica), malattia legata particolarmente al mondo del football professionistico (NFL).

Per il suo Actors on Actors, Variety ha messo a confronto i due amatissimi attori, che parlando dei loro rispettivi ruoli hanno condiviso anche il loro amore per Roger Deakins ed Eddie Murphy. Di seguito l’intervista:

Will Smith: «Ho ricevuto una chiamata da Ridley Scott che mi ha detto “ho un regalo per te: una commozione cerebrale!”. Ho letto lo script è ho pensato “questo non è un maledetto regalo! Sono un padre che ama il football”. Quindi per me è una bella sceneggiatura, ma ha aperto un divario enorme. Com’è stato Sicario per te, invece?».

Benicio Del Toro: «Ho letto la sceneggiatura e ho pensato che fosse davvero originale. Poi ho avuto modo di incontrare Denis Villeneuve, il regista. Il suo entusiasmo, la sua visione e la sua sensibilità per il progetto mi hanno convinto. E poi c’era il grande Robert Deakins alla fotografia» Al che Smith è intervenuto dicendo: «Sono una vera groupie per Deakins!», e Del Toro ha affermato: «Anche io amico!».

Will Smith ha poi continuato a parlare di Concussion: «Ho incontrato il regista Paul Landesman e il vero Dottor. Omalu. Landesman è un giornalista investigativo: ha basi solide. Il Dottor. Omalu è un immigrato nigeriano, e mi ha detto una frase che abbiamo anche riportato nel film: “Nello stesso modo in cui cresce un bambino, il cielo era qui e l’America po’ più in basso”. Per lui l’America è il posto dove Dio ha mandato tutte le sue persone preferite».

Infine, i due hanno parlato delle loro ispirazioni quando erano ancora agli inizi della loro carriera, e anche qui si sono scoperti accomunati dall’ammirazione per Eddie Murphy, secondo loro uno dei più grandi intrattenitori cinematografici dell’ultimo ventennio dello scorso secolo.

Per il resto dell’intervista vi riportiamo il video di Variety:

Fonte: Variety

© RIPRODUZIONE RISERVATA