«Coulson vive». Questo era lo slogan che i fan di The Avengers scrissero su ponti e magliette dopo che l’agente Coulson veniva ucciso da Loki nel crossover di supereroi Marvel. La coraggiosa morte del braccio destro di Nick Fury aveva provocato un curioso movimento, segno di quanto il personaggio fosse entrato nel cuore del pubblico. Ed ora, grazie allo spin-off televisivo S.H.I.E.L.D, serie tv targata ABC e diretta sempre da Joss Whedon (leggi qui l’intervista in cui parla dello show), il personaggio interpretato da Clark Gregg tornerà in vita. A rivelarlo è lo stesso attore, che intervistato da Collider al WonderCon 2013, spiega come si tratti di una vera e propria resurrezione, dal momento che gli eventi della serie si svolgeranno dopo i fatti raccontati in The Avengers: «È stata una grande soddisfazione vivere questa “fantasia da nerd”, in cui l’agente Coulson è stato incluso in tutta la prima fase della Marvel, The Avengers compreso. Mi sono molto affezionato a lui, e in parte anche identificato. Mi ha colpito l’affetto del pubblico nei suoi confronti. Coulson doveva essere un personaggio divertente, ma anche eroico. E il giorno in cui ho dovuto dirgli addio è stato molto emozionante. Joss ha trovato una conclusione perfetta per lui. Poi i miei amici della Marvel mi hanno detto: “Sai, abbiamo parlato molto di Coulson, e ci siamo resi conto che là fuori c’è un vero e proprio movimento a lui dedicato, con tanto di t-shirt personalizzate. Così, abbiamo deciso di riportarti in vita”. Poi Joss mi ha chiamato, dicendomi che c’era un copione e che la storia si sarebbe svolta dopo The Avengers».

Ma la domanda è: come resusciterà l’agente Coulson? La sua morte è stata solo architettata per dare quella motivazione in più ai vari Iron Man, Thor, Capitan America e Hulk? Gregg prova a darci qualche timido indizio: «Dopo aver visto lo show, il pubblico capirà perché sono ancora vivo. Ma non credo che sapranno proprio tutto». Dopo questo messaggio alquanto criptico, l’attore – che ha firmato un contratto pluriennale per interpretare il personaggio – ha parlato del salto dal cinema alla televisione: «Non mentirò, è stato piuttosto spaventoso. «Di solito arrivavo sul set e facevo la mia scena. Lasciavo fare a Robert (Downey Jr.) e Scarlett (Johansson) il loro lavoro e poi tornavo nella mia roulotte. Ora mi chiedo: “Dov’è Robert? Ho bisogno di avere qualcuno bello come Scarlett di fronte a me!”. Per fortuna hanno messo insieme una squadra spettacolare intorno a me. Rimango impressionato ogni giorno. Penso che nel percorso dell’agente Coulson ci sia qualcosa che squote le persone. È il lato umano dello S.H.I.E.L.D. Il trucco è diffondere le notizie molto lentamente, cosa che si riesce a fare bene in un contesto più piccolo come quello televisivo. Ciò che abbiamo fatto è un’assoluta novità nel panorama della tv e non vedo l’ora che la gente lo veda». Rimane solo da chiedersi se, oltre al piccolo schermo, rivedremo l’agente Coulson anche al cinema: «Bella domanda, ora vado a chiederlo a Joss, che è proprio qui di fianco. Onestamente non lo so, la mia sensazione è che ci sia una perfetta continuità tra questa serie e l’universo dei film Marvel. Ci sono più possibilità ora di rivederlo in quei film di quante ce ne fossero prima di vederlo morire».

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA