dettagli sul premio young and short
Nuova interessante opportunità per i giovani videomaker: nasce infatti YOUNG & SHORT, premio cinematografico istituito dalla casa di produzione Save the Cut. Il tutto è organizzato all’interno del progetto Son of a Pitch e l’ultimo atto si terrà in una esclusiva cornice: l’hotel Excelsior del Lido di Venezia durante la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, il prossimo settembre.
 
L’iniziativa è volta a premiare i migliori cortometraggi incentrati su almeno uno dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile individuati dall’ONU: tra questi la fine della povertà nel mondo, l’uguaglianza di genere e l’emancipazione femminile, crescita economica, salute, benessere e molto altro (QUI tutti i punti). I cortometraggi vanno inviati entro il 30 giugno 2021 e l’iscrizione al concorso è a titolo gratuito.
 
Sono sei i premi assegnati da YOUNG & SHORT: miglior corto, miglior regia, miglior talento femminile, il “premio corto nel cassetto” al progetto senza distribuzione, quello per il corto multiculturale e infine il premio del pubblico. Previsto anche un premio in denaro per permettere ai giovani talenti vincitori di scrivere una successiva opera, un modo per incoraggiarli a investire sul proprio futuro.
 
A valutare le opere in gara, tre giurie: quella artistica sarà presieduta dal regista italiano premiato ai David di Donatello Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif. Assieme a lui, l’artista di fama internazionale Eva Jospin, la produttrice de Il Racconto dei Racconti e Dogman Guendalina Folador e Stefano Finesi, uno dei soci distributori di Teodora Film. Ma ancora: la montatrice candidata ai David Chiara Vullo, la produttrice Laurence Hoffmann, il regista e creative director Erminio Perocco e Benedetta Cappon, ufficio stampa di cinema e teatro.
 
A loro il compito di votare ed eleggere il vincitore del miglior corto, regia, talento femminile (eleggibile sia nelle categorie artistiche che tecniche) e il corto senza distribuzione. Quest’ultimo verrà poi promosso e distribuito da Son of a Pitch, senza costi per l’autore.
 
Ci sarà poi una giuria sociale, composta da donne rifugiate ospiti presso la struttura Casa di Giorgia del Centro Astalli di Roma, che dal 1999 si occupa di accogliere donne singole e con bambini richiedenti asilo. La terza giuria sarà invece chiamata ad assegnare il premio del pubblico e sarà formata da studenti delle scuole di cinema: in questo modo si punta a creare una rete tra chi ha già mosso i primi passi nel mondo del video e chi sta studiando per farlo.
 
Per ulteriori informazioni sul premio, patrocinio del Programma Operativo Nazionale “Città Metropolitane 2014” PonMetro voluto dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, visitare il sito www.sonofapitch.it oppure inviare una mail a youngandshort@sonofapitch.it.
 
Foto: Franco Origlia/Getty Images
© RIPRODUZIONE RISERVATA