Zack Snyder

Sembra ieri quando Zack Snyder aveva iniziato a parlare di Justice League lasciando intendere che la versione approdata nelle sale fosse estremamente diversa da quella da lui concepita e che esistesse, da qualche parte, del materiale autentico pronto per essere mostrato al suo pubblico. Il resto, come sappiamo, è storia: dopo anni di campagne e proteste da parte dei fan, dello stesso regista e degli attori protagonisti, la Warner Bros. all’inizio del 2021 lanciava su HBO Max l’atteso Zack Snyder’s Justice League.

E ora, il regista l’ha fatto di nuovo. È improbabile che le intenzioni alla base delle sue nuove dichiarazioni siano le medesime che esistevano quando iniziò a parlare del cinecomic ultimato da Joss Whedon, ma in una recente intervista Zack Snyder ha parlato dell’esistenza di una director’s cut di un altro suo film molto bistrattato, Sucker Punch.

«È un film che ho scritto con il mio amico Steve Shibuya. Io e lui ne abbiamo parlato per molto tempo in realtà, perché quel film per me è, sapete, le persone non lo riconoscono, ma è un film di protesta in molti modi. Mi venne chiesto “perché hai vestito le ragazze in quel modo” e io rispondo sempre “non le ho vestite così io, voi l’avete fatto”. L’ho sempre visto come un’accusa, in qualche modo, alla cultura popolare. Penso che all’epoca fui criticato perché sembrava l’opposto, come una sorta di sfogo sessista. Ma è stato divertente da fare e lo adoro ancora oggi. Quella è stata la prima volta in cui ho dovuto affrontare una vera e propria modifica radicale di un film per renderlo più commerciale ed esiste una director’s cut che deve ancora essere rilasciata. Lo dico ad alta voce, forte e chiaro.»

Insomma, per dirlo in maniera molto confidenziale, per ora “la butta lì”. Che ne pensate?


Approdato nelle sale nel 2011, Sucker Punch vanta un cast di interpreti che comprende Emily Browning, Vanessa Hudgens, Abbie Cornish, Jena Malone, Jamie Chung, Carla Gugino, Oscar Isaac, Scott Glenn e Jon Hamm

Qui la sinossi ufficiale:

Un fantasy d’azione che ci proietta nella vivida fantasia di una ragazza per la quale il mondo dei sogni rappresenta la fuga estrema da una terribile realtà. Rinchiusa contro la sua volontà, Babydoll non ha perso la voglia di vivere. Decisa a combattere per la sua libertà, convince altre quattro prigioniere – la schietta Rocket, la scaltra Blondie, la leale Amber e la riluttante Sweet Pea – a fare gruppo per tentare di sfuggire ad un terribile destino segnato dai loro carcerieri Blue, Madam Gorski e High Roller.

Fonte: Vanity Fair

Foto: Warner Bros.

© RIPRODUZIONE RISERVATA