L’ultimo film di Robert Zemeckis sfrutta al massimo le nuove tecnologie per rappresentare un racconto scritto da Charles Dickens duecento anni fa. I campi lunghi e le numerose scene aeree sono ancora più spettacolari in 3D. Siete d’accordo?

[poll id=”5″]

© RIPRODUZIONE RISERVATA