Alice in Cartoonland (1922-23) è la prima serie a tecnica mista (dato che Alice è una bambina in carne e ossa in un mondo di cartoon) dei californiani Disney Brothers Studios (nati nel garage dello zio dei due fratelli Walt e Roy!). Il serial si conclude nel 1927 dopo 30 episodi. Al centro della scena non c’è Alice, ma i personaggi minori, tra cui il gatto Julius che assomiglia molto a Felix. La stessa azienda, tramite Universal, porterà nelle sale anche l’antesignano di Topolino: il coniglio Oswald, che però non avrà vita facile, passando da un’azienda all’altra. Dopo aver perso il controllo sui diritti della sua creatura, d’altra parte, Disney diventerà molto più prudente con le sue creazioni, a cominciare da Mickey Mouse (all’inizio Mortimer Mouse), che ben presto diventerà l’icona simbolo dell’azienda. Nel 1928 vengono realizzati i primi tre film con protagonista Topolino, tra cui il famosissimo Steamboat Willie, che segna la prima grande rivoluzione della storia dell’animazione: è il primo cartoon con sonoro sincronizzato.

Mai, come per Steamboat Willie (Disney, 1928), che vedete qui sotto, le immagini parlano da sole. Il corto ha come protagonista un nuovo personaggio, Mickey Mouse ed è il primo cartoon sonoro della sotria del cinema.

È con le Silly Symphony, però, che il sonoro acquisisce una vera e propria autonomia: la prima sinfonia scherzosa è la geniale The Skeleton Dance.

In The Skeleton Dance (Disney, 1928), che vedete qui sotto, la musica risveglia un cimitero durante la notte. Gli scheletri balzano fuori dalle tombe e le ossa di quelli che furono corpi si assemblano tra loro a ritmo della melodia, creando animali o strane composizioni. I loro stessi movimenti vanno a comporre la musica…

Nel 1932, il corto intitolato Flowers and Trees è il primo film d’animazione di Walt Disney in Technicolor.

In Flowers and Trees (Disney, 1932), come potete vedere qui sotto, nel risveglio della natura cogliamo molte anticipazioni di alcune sequenze di Fantasia (1940)…

Guarda il servizio video In viaggio per cartoonia.

Guarda la photogallery In viaggio per cartoonia.

Torna all’indice dello speciale

© RIPRODUZIONE RISERVATA