Anche in altri paesi europei i cartoon spopolano in televisione (e spesso i successi d’Oltralpe approdano sui nostri schermi proprio nella trasmissione Supergulp!). In Belgio, ad esempio, nel 1959 la casa cinematografica Belvisione produce il serial di Tin-Tin (il fumetto di Hergé che presto diventerà un live-action sotto la direzione di Steven Spielberg). Tra il 1960 e il 1966 (anno della morte di Walt Disney), poi, vanno in onda le prime puntate de I puffi, i saggi e piccoli esseri blu della foresta creati da Peyo (e dagli anni Ottanta prodotte da Hanna e Barbera), che nel 1976 li fa diventare protagonisti di un lungometraggio: Il flauto a sei puffi. Anche il barbaro Asterix passa dalla carta stampata al disegno animato: nel 1967 Asterix Il Gallico conquista il grande schermo con un film da 68 minuti diretto da Ray Goossens.

Godetevi i divertenti tutoli di testa di Asterix il Gallico (lungometraggio di Ray Goossens, 1967) in cui vengono presentati i due protagonisti: Asterix e Obelix

Di Asterix vengono prodotti sei film d’animazione (ancora oggi trasmessi regolarmente in tv durante le festività Natalizie) e tre pellicole “dal vivo”, di cui ricordiamo quella del 1999, Asterix e Obelix contro Cesare con Roberto Benigni nei panni del condottiero romano. L’inglese Richard Williams realizza del 1971 il suo A Christmas Carol, che vince l’Oscar nel 1972 come Miglior soggetto per un corto (dura 28 minuti). Chissà se Robert Zemeckis riuscirà a ottenere altrettanto con il suo omonimo film d’animazione 3D, che ha sbancato i botteghini italiani al suo weekend di debutto…

Guarda il servizio video In viaggio per cartoonia.

Guarda la photogallery In viaggio per cartoonia.

Torna all’indice dello speciale

© RIPRODUZIONE RISERVATA