Il caso Gina Carano, che è costato all’attrice il licenziamento da The Mandalorian di Disney+, non avrà delle ripercussioni solo sulla serie live action ma anche sul merchandising di Star Wars.

Hasbro, produttore di giocattoli sull’universo creato da George Lucas e sui personaggi della Galassia lontana lontana, parrebbe infatti aver annullato gli ordini relativi all’action figure del personaggio della Carano, Cara Dune (qui i piani che aveva la LucasFilm sul personaggio).

La notizia trapela dal servizio clienti di Big Bad Toy Store, rivenditore di giocattoli che ha spedito un’e-mail ai clienti, informandoli che l’action figure di Cara Dune della Hasbro non sarà più in commercio e che gli ordini verranno conseguentemente annullati. 

Ecco cosa si può leggere in un tweet relativo all’argomento e che riporta la mail in questione: «Siamo stati informati dalla Hasbro che hanno annullato la produzione di Star Wars: The Black Series 6″ Cara Dune (The Mandalorian), che non evaderà così il nostro ordine. Sfortunatamente, ciò significa che dobbiamo annullare i nostri preordini per questo articolo. Ci scusiamo per l’inconveniente e apprezziamo molto la vostra comprensione».

Dopo la sua esclusione da The Mandalorian a seguito di alcuni controversi post diffusi sui social media, Gina Carano ha rotto il silenzio non molte ore fa, parlando per la prima volta dopo l’accaduto e annunciando un nuovo progetto cinematografico che sta realizzando con il sito web conservatore The Daily Wire, fondato nel 2015 dal commentatore politico Ben Shapiro e dal regista Jeremy Boreing. Al momento i dettagli sul progetto non sono stati divulgati, ma il film sarà prodotto come parte della partnership del Daily Wire con il produttore di Bone Tomahawk Dallas Sonnier e la sua Bonfire Legend.

L’interprete era stata allontanata non solo da Disney e LucasFilm, ma anche dalla sua agenzia, la UTA. Gina Carano ha interpretato la mercenaria Cara Dune, un ex soldato d’assalto ribelle diventato mercenario e infine maresciallo per la Nuova Repubblica, in entrambe le stagioni di The Mandalorian.

Nella sua storia di Instagram, l’attrice aveva fatto un parallelismo tra l’attuale clima politico negli Stati Uniti e quello che si respirava nella Germania nazista, accostando implicitamente i conservatori agli ebrei vittime di persecuzioni

«Gli ebrei sono stati picchiati per le strade, non dai soldati nazisti ma dai loro vicini… anche dai bambini – si leggeva nel post – Poiché la storia viene modificata, la maggior parte delle persone oggi non si rende conto che, per arrivare al punto in cui i soldati nazisti avrebbero potuto facilmente radunare migliaia di ebrei, il governo ha prima fatto in modo che i loro vicini li odiassero semplicemente per il fatto di essere ebrei. In che modo è diverso dall’odiare qualcuno per le sue opinioni politiche?».

 

Foto: MovieStillsDB

Fonte: ComicBook

© RIPRODUZIONE RISERVATA