Armie Hammer è uno degli attori americani più chiacchierati del momento.

Nato a Los Angeles il 28 agosto del 1986 ha 34 anni ed un fascino che non passa di certo inosservato. Ma proprio nel corso degli ultimi due mesi, è diventato protagonista di numerosi scandali, inerenti alla sua vita privata.

Come molti di voi già sapranno, Hammer si sposò nel 2010 con Elizabeth Chambers. Dal loro amore sono nati due figli ma dopo dieci anni di matrimonio, la loro storia raggiunge il capolinea. Ma come mai?

Sembrerebbe proprio che la causa della rottura sia data da presunti abusi da parte dell’attore nei confronti della sua ex moglie. E non è tutto. Secondo quanto pubblicato da un anonimo profilo Instagram, egli soffrirebbe di vari disturbi sessuali che sfociano addirittura nel cannibalismo e nello stupro.

Ovviamente, questa storia ha generato un grande scandalo, che secondo alcuni rumors potrebbe portare Armie Hammer verso una vera e propria penalizzazione per la carriera cinematografica.

Armie Hammer instagram

Fino a pochi giorni prima dello scandalo, Armie Hammer risultava attivo sui social network.

Ad esempio su Instagram, postava spesso foto e video riguardanti il suo lavoro da attore e scatti inerenti alla sua vita quotidiana (lo potete trovare con il nickname @armiehammer). Al momento però, non ci sono nuovi contenuti e nell’ultimo post è possibile scovare tantissimi commenti dei suoi fans che chiedono maggiori delucidazioni sull’accaduto.

Armie Hammer film

L’attore statunitense ha recitato in numerosi film.

Ecco l’elenco completo, dagli esordi ad oggi:

Flicka – Uno spirito libero, Blackout, Billy: The Early Years, Spring Breakdown, 2081, The Social Network, J. Edgar, Biancaneve, The Lone Ranger. Entourage, Operazione U.N.C.L.E., The Birth of a Nation – Il risveglio di un popolo, Animali notturni, Free Fire.

Ma anche:

Mine, Chiamami col tuo nome, Final Portrait – L’arte di essere amici, Sorry to Bother You, Home Shopper, Una giusta causa. Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, Wounds, Rebecca, Crisis e Assassinio sul Nilo (Death on the Nile).

© RIPRODUZIONE RISERVATA