Gugu Mbatha-Raw è un’attrice inglese, famosa per aver recitato in tantissimi film e serie tv (ad esempio Black Mirror).

Nata ad Oxford il 21 aprile del 1983 ha 38 anni ed il suo nome completo è Gugulethu Sophia Mbatha-Raw. Suo padre è un medico di origini sudafricane (da qui si spiega il cognome per nulla britannico).

Gugu Mbatha-Raw instagram

Della sua vita privata non si hanno molte informazioni, specialmente per quanto riguarda la sfera sentimentale (non si sa dunque se sia fidanzata o single).

Qualche foto di Gugu si può però trovare su Instagram, dove ha un account con oltre 147 mila followers (nickname: @gugumbatharaw). Allo stesso tempo però, non ci sono molti contenuti se non alcune stories in evidenza e dei post legati principalmente al lavoro.

Gugu Mbatha-Raw film

Ecco la lista con i film in cui ha recitato Mbatha-Raw:

  • Closure – Vendetta a due, regia di Dan Reed (2007)
  • Act of God, con la regia di Sean Faughnan, Ezna Sands e Petros Silvestros (2009)
  • L’amore all’improvviso – Larry Crowne, regia di Tom Hanks (2011)
  • Il luogo delle ombre, con la regia di Stephen Sommers (2013)
  • La ragazza del dipinto, con la regia di Amma Asante (2013)
  • Beyond the Lights – Trova la tua voce, regia di Gina Prince-Bythewood (2014)
  • Jupiter – Il destino dell’universo, regia di Lana e Andy Wachowski (2015)
  • Zona d’ombra, con la regia di Peter Landesman (2015)
  • Free State of Jones, regia di Gary Ross (2016)

Ma anche:

  • Miss Sloane – Giochi di potere, regia di John Madden (2016)
  • Una doppia verità, con la regia di Courtney Hunt (2016)
  • La bella e la bestia, con la regia di Bill Condon (2017)
  • The Cloverfield Paradox, regia di Julius Onah (2018)
  • L’unica, con la regia di Stephanie Laing (2018)
  • Nelle pieghe del tempo, con la regia di Ava DuVernay (2018)
  • Fast Color, con la regia di Julia Hart (2018)
  • Motherless Brooklyn – I segreti di una città, regia di Edward Norton (2019)
  • Il concorso, con la regia di Philippa Lowthorpe (2020)
  • Alice e Peter, con la regia di Brenda Chapman (2020)
© RIPRODUZIONE RISERVATA