Il legionario film 2021

Il legionario film 2021: opera prima del giovane regista Hleb Papou che racconta due mondi contrapposti, quello quello delle case occupate e del Reparto Mobile della Polizia.

Leggi anche: Penguin Bloom: dalla tragedia alla rinascita. Con Naomi Watts

Il legionario film 2021: trama e cast

Al centro della storia c’è Daniel (Germano Gentile), giovane e preparato agente della Polizia di Stato nel Primo Reparto Mobile della Capitale. La squadra dei celerini, spesso chiamata a eseguire gli sgomberi negli immobili occupati di Roma, è per lui come una seconda famiglia. Daniel ha però anche una sua famiglia da proteggere: la sua compagna Trisha (Giorgia De Andreis), incinta, e suo fratello Patrick (Maurizio Bousso) e la madre Felicité (Felicité Mbezelé), che vivono ancora nel palazzo occupato in cui lui è cresciuto. Sull’immobile pende un ordine esecutivo di sgombero, contro il quale si oppongono Patrick e gli altri cittadini occupanti, italiani e stranieri.

Daniel si troverà così diviso tra l’amore per la sua famiglia e il senso del dovere che gli impone la divisa che ha scelto di indossare.

Le riprese del film, girato in 19 giorni durante la pandemia, si sono svolte anche all’interno di un palazzo realmente occupato; quello situato in via Santa Croce in Gerusalemme, passato agli onori della cronaca perché l’elemosiniere del Papa, nel 2019, staccò i sigilli. Dietro la scelta di girare dentro l’immobile, la volontà di “essere il più onesti possibile, evitando raccontare frottole e uscendo dalla nostra comfort zone”, ha sottolineato il regista. Papou ha persino vissuto per un periodo nel palazzo, così da approfondire sul campo le sue ricerche sul mondo dell’occupazione, “una realtà molto complessa”, una sorta di microcosmo a sé stante.

Il legionario film 2021
Hleb Papou | Foto: Getty Images

Nel film vengono raccontate “tutte cose che esistono, e nel cuore di Roma, non in periferia”. Compreso l’altro punto di vista, quello degli agenti del Reparto Mobile. Il regista ha conosciuto diversi celerini e ascoltato le loro storie, così da mettere in scena anche quel fronte con un approccio realistico.

Papou, classe 1991, è nato in Bielorussia e cresciuto in Italia, dove si è laureato al Dams e diplomato al Centro Sperimentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA