Storm Boy - Il ragazzo che sapeva volare

Storm Boy – Il ragazzo che sapeva volare sarà nelle sale italiane dal 24 giugno. Diretto da Shawn Seet, il film è basato sull’omonimo romanzo scritto da Colin Thiele ed edito nel 1976. quello che vedremo al cinema è un riadattamento ai giorni nostri.

Leggi anche: A Quiet Place 2: il secondo capitolo arriva al cinema il 24 giugno

Storm Boy – Il ragazzo che sapeva volare: la trama

La pellicola racconta la storia di Michael Kingley (Geoffrey Rush), un anziano uomo d’affari ormai in pensione che ritorna sul litorale meridionale dell’Australia in cui ha trascorso l’infanzia. Lì si ritroverà a fare i conti con una mozione che mette a repentaglio l’eco-sistema di quell’angolo di paradiso, fortemente osteggiata da sua nipote. L’ardore della nipote, decisa a salvaguardare quello spicchio di mondo e le sue creature, fa riaffiorare nell’uomo i ricordi della sua infanzia. Ripercorrendo con la nipote i tempi in cui viveva in una capanna sul mare con suo padre, Michael torna con la mente a un’esperienza meravigliosa. L’uomo ricorda quando, da bambino, salvò tre pellicani rimasti orfani. Con uno di loro, il piccolo Michael riuscì a stringere un forte legame. Questo ritorno al passato riaccenderà in lui la fiamma della battaglia.

IL TRAILER

Storm Boy – Il ragazzo che sapeva volare è un classico della letteratura anglosassone per i più piccoli.

Storm Boy - Il ragazzo che sapeva volare
Geoffrey Rush | Foto: Getty Images

Nel cast anche: Finn Little (Storm Boy); Jai Courtney (Hideaway Tom); Erik Thomson (Malcolm Downer); Brad Williams (Jasper Davies); Natasha Wanganeen (Susan Franklin); Trevor Jamieson (Fingerbone Bill); Morgana Davies (Madeline Downer); Michelle Nightingale (Mrs. Marks); Miraede Bhatia-Williams (Mildew); Chantal Contouri (Julie Sims); Paul Blackwell (Cal Evans).

Per il film sono stati utilizzati dei veri pellicani. Affinché Finn Little riuscisse a legare con loro, li ha incontrati per la prima volta quando avevano poche settimane di vita. Il giovane attore ha trascorso con loro molto tempo, in modo tale che lo riconoscessero come parte del gruppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA