Ok, la vita è meravigliosa, su questo non ci sono dubbi. Soprattutto intorno al periodo natalizio: il piumone caldo quando fuori nevica, una bella tazza di cioccolata calda, trovare l’XBox sotto l’albero, rivedere la nonna che abita lontano, ricevere le mancette della nonna che abita lontano… non si può che amare le feste natalizie, e non si può che dare ragione a Frank Capra quando gira un film che ruota intorno al concetto di «com’è bello vivere, come sono fortunato a essere qui».

Insomma, siamo grati a Capra per la tenacia con cui ci ricorda questo concetto importantissimo, e siamo grati anche alla tv italiana che ogni anno, con regolarità svizzera, ci ripropone questo film. Ma c’è proprio bisogno che ogni benedetto Natale James Stewart ci ricordi la meravigliosità dell’esistenza con il suo: «Buon Natale!» urlato correndo di casa in casa (a un orario improbabile del mattino, tra l’altro)? Almeno il buon James non suona a tutti i citofoni prima di scappare…

Guarda la seconda posizione

Guarda la quarta posizione

© RIPRODUZIONE RISERVATA