La Blumhouse Production è la casa di produzione e distribuzione che negli ultimi anni è stata capace di risollevare il genere horror dal livello di banalità in cui si era sotterrato. Merito di scelte a basso costo che poi si sono rivelati veri e propri fenomeni al botteghino, dal primo capitolo (e poi intera saga) di Paranormal Activity, a La notte del giudizio e Oscure presenze (in uscita in Italia il 24 ottobre). Il successo più recente è Oltre i confini del male – Insidious 2, sequel di James Wan che da noi arriverà il 10 ottobre (distribuito da Warner) e in America ha esordito con 41 milioni di dollari, a dispetto dei soli 5 milioni di budget (già confermato un terzo episodio).

Ora la compagnia di Jason Blum è pronta a sfornare un altro potenziale successo: si tratta di Incarnate, film che si iscrive direttamente nel sottogenere delle possessioni. La storia infatti è quella di un esorcista non convenzionale, capace di entrare, come un vero psicologo, nel subconscio dei posseduti. La sfida più grande l’affronterà quando un bambino di 9 anni verrà posseduto da un demone con cui l’uomo si era già trovato faccia a faccia in passato. Nei panni del protagonista ci sarà Aaron Eckhart, il regista sarà Brad Peyton (Viaggio nell’isola misteriosa), mentre Ronnie Christensen (Passengers – Mistero ad alta quota) firmerà la sceneggiatura.

Fonte: Deadline

© RIPRODUZIONE RISERVATA