Nessuna pace per Amber Heard: l’attrice è appena uscita dal turbolento divorzio con l’ex marito Johnny Depp, ma ecco arrivare un nuovo caso: la nostra, infatti, è stata denunciata dai produttori di London Fields, thriller diretto da Matthew Cullen che oltre a lei, vanta nel cast anche Cara Delevingne, Gemma Chan, Jaimie Alexander, Billy Bob Thornton e lo stesso Depp.

Il motivo? Non solo l’attrice non si sarebbe impegnata durante le riprese (rifiutando, ad esempio, di girare delle scene di nudo presenti nella sceneggiatura), ma avrebbe anche fatto di tutto per affossare il film rifiutando di partecipare alla sua fase promozionale. Una querela, questa, che coinvolge direttamente anche il regista Cullen, il primo ad aver boicottato l’opera in quanto insoddisfatto del montaggio finale assemblato dalla casa di produzione.

Spiega l’accusa: «Mentre le tensioni tra attori, registi e produttori non è una cosa nuova a Hollywood, le azioni senza autorizzazione e illegali di Cullen, della Heard e di altre persone – e più precisamente la loro campagna per arrecare danni al film e ai suoi investitori – sono senza precedenti».

Per via di questi problemi legali, e in mancanza di una campagna promo vera e propria, ricordiamo che attualmente London Fields non è ancora stato distribuito in nessun territorio del mondo. Dite che riuscirà a uscire, o rimarrà per sempre bloccato nel limbo? In attesa di aggiornamenti, sappiate che Amber sta comunque rischiando di pagare un bel po’ di milioni di dollari come risarcimento danni ai produttori del film!

Fonte: THR

© RIPRODUZIONE RISERVATA