Ant-Man sarà l’anello di collegamento tra la Fase 2 della Marvel e la Fase 3, che potete vedere rieplogata in questa timeline delle uscite dei prossimi anni. Il cinecomic arriverà sul grande schermo, infatti, il 17 luglio 2015, accodandosi ad Avengers: Age of Ultron e precedendo Captain America: Civil War.

Dalla trama, che la Casa delle idee aveva diffuso dopo la conclusione delle riprese, potrebbero emergere alcuni dettagli su cui si fonderebbe non solo il collegamento tra il sequel di Whedon e quello dei fratelli Russo, ma anche quello tra Fase 1, 2 e 3, in perfetta adesione con il concetto “sistemico” di Universo Cinematografico. Ecco cosa è trapelato da una soffiata pubblicata sul sito Star Log.

Pur essendo ambientato contemporaneamente a Avengers: Age of Ultorn, Ant-Man sarà una storia a se stante, basata sul presupposto che, dopo la caduta dello SHIELD, Henry Pym si sia messo in proprio. Nel film di Peyton Reed un flashback ambientato negli anni Sessanta riporterebbe sullo schermo due personaggi della Fase 1, Peggy Carter e Howard Stark, collega di Pym, quando entrambi lavoravano nello SHIELD. Nello stesso flashback, inoltre, Pym potrebbe incontrare un giovane Thaddeus “Thunderbolt” Ross, che diventerà in seguito rivale di Hulk/Bruce Banner.

Sembrerebbe inoltre che proprio questo personaggio, nei titoli di coda del film, faccia visita a Pym per rivelargli di essere stato mandato da Tony Stark a causa della guerra in atto, guerra che, come sappiamo, sarà al centro della narrazione di Captain America: Civil War. Ancora, stando alle informazioni emerse, Ross sarebbe nuovamente presente nel film successivo ad Ant-Man come supporto militare a Iron Man nel far rispettare l’Atto di Registrazione dei Supereroi, dal momento che Tony Stark esiterà a servirsi della sua strumentazione tecnologica. La Vedova Nera avrà in questa pellicola un ruolo piuttosto ridimensionato, perché in carcere dopo aver aiutato alcuni supereroi a fuggire.

Fonte: starlog

© RIPRODUZIONE RISERVATA