Avatar di James Cameron ha appena superato Avengers: Endgame ed è tornato ad essere il titolo che ha incassato di più nella storia del cinema. Il risultato è epocale anche perché Avatar è uscito per la prima volta nei cinema nel 2009 e ha mantenuto saldo il record del box office fino al 2019, con l’arrivo della squadra MCU in Endgame. Ora il film di Cameron ha nuovamente conquistato la vetta grazie a una nuova uscita nelle sale cinematografiche cinesi, guadagnando 3,7 milioni di dollari venerdì e ben 9 milioni sabato: il suo nuovo incasso record è dunque oggi di 2802 miliardi di dollari.

E fra i primi a complimentarsi con James Cameron ci sono stati proprio i Marvel Studios che, sui loro canali social ufficiali, hanno pubblicato un breve filmato nel quale la “A” di Avengers si trasforma nella “A” di Avatar. “Congratulazioni a James Cameron, Jon Landau e tutta la nazione Na’vi per essersi riappropriati della corona del box office! Vi amiamo 3000″, hanno scritto gli studios.

GUARDA QUI IL TWEET DI COMPLIMENTI DI MARVEL STUDIOS

Dello stesso tenore il Tweet dei fratelli Anthony e Joe Russo, i registi di Avengers: Endgame: per felicitarsi, hanno giocato in una grafica del celebre artista Boss Logic che unisce nel nome Avatar il lettering ufficiale dei due film, con le lettere “AV” scritte in stile Avengers e le successive nello stile del film di Cameron. I registi si congratulano, certo, però rilanciando il duello: “Restituendoti il ​​guanto di sfida…”, scrivono nel Tweet.

GUARDA QUI IL TWEET DI COMPLIMENTI DEI FRATELLI RUSSO

Era stato proprio grazie alla Cina che, nel 2019, Avengers: Endgame aveva superato Avatar negli incassi mondiali complessivi. Il cambio sul podio, dunque, avviene ancora una volta sul mercato cinese, che sta vedendo una lenta riapertura dei cinema in tutto il paese dopo le chiusure dovute al Coronavirus. Sarà interessante vedere come reagirà il box office all arrivo di Avatar 2, che James Cameron ha completato qualche mese fa, e Avatar 3, le cui riprese sono invece quasi terminate.

Fonte: Forbes

© RIPRODUZIONE RISERVATA