Babbo bastardo

Se siete stanchi del romanticismo dell’atmosfera natalizia, dei cinepanettoni di turno o dei film per tutta la famiglia, Billy Bob Thornton è pronto a venirvi in soccorso. Il 7 dicembre arriva in sala Babbo bastardo 2, sequel della commedia del 2003 in cui l’attore torna a interpretare Willie Soke, uno dei ruoli più irriverenti e scorretti della sua carriera.

Thornton ha parlato del film insieme a Entertainment Weekly, che proprio non ha resistito a chiedergli come è riuscito a costruire un personaggio simile. «C’è un’arte anche nell’essere volgari! – ha risposto -. Non puoi solo dire parolacce senza una ragione. Per Willie parliamo del suo linguaggio, è così che si esprime. È una cosa naturale. Molte volte però la volgarità non viene messa in scena nel modo giusto. Se in una scena drammatica non si vuole sconfinare nel melodramma, lo stesso vale per la commedia: ci deve essere equilibrio, devi seguire certe regole».

La grande domanda è: il sequel sarà ancora più eccessivo tanto quanto il primo? Thornton non ha dubbi: «Forse anche di più».

E non facciamo fatica a credergli: in Babbo bastardo 2, Willie prova a rigare dritto, ma l’amore per la bottiglia, il fumo e le donne non li ha mai persi. E il passato si ripresenta, stavolta sotto le fattezze di sua madre Sunny, una Kathy Bates senza censura che mira a svaligiare un ente di beneficienza di Chicago la vigilia di Natale. Tale madre, tale figlio…

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film