Blade

Blade, il film standalone sull’ammazzavampiri dell’MCU, ha finalmente un autore certo alla sceneggiatura: è Stacy Osei-Kuffour, che ha già lavorato come story editor della serie HBO Watchmen. Osei-Kuffour è stata dunque scelta per scrivere la sceneggiatura del reboot del franchise, stabilendo un record storico: sarà la prima autrice nera in capo allo script di un film Marvel. Per quanto riguarda la regia, invece, il primato è stato stabilito in casa MCU dal Nia DaCosta, prima regista nera a dirigere un film per gli Studios, ovvero Captain Marvel 2.

A interpretare Blade sarà Mahershala Ali, già Premio Oscar come miglior attore non protagonista per Moonlight e Green Book. Ali raccoglie l’eredità di Wesley Snipes che ha dato volto all’eroe metà umano e metà vampire in ben tre film a cavallo degli anni 2000: Blade del 1998, Blade II del 2002 e Blade: Trinity del 2004.

La ricerca della Marvel per lo sceneggiatore giusto per il nuovo Blade è stata meticolosa: vi ha partecipato anche Mahershala Ali, che ha sposato il progetto a 360 gradi. Confermando il suo impegno a rispettare i principi della “diversity” soprattutto quando il racconto coinvolge personaggi non bianchi, Marvel ha voluto prendere in considerazione solo sceneggiatori neri.

Blade, che ha una natura ibrida tra umano e vampiro perché la madre è stata morsa e uccisa a sua volta da un medico vampiro durante il parto, è apparso per la prima volta nella serie The Tomb of Dracula nel 1973. L’incontro di questo personaggio iconico con Osei-Kuffour sembra davvero perfetto: la sceneggiatrice ha già dimostrato grande sensibilità nel raccontare supereroi potentissimi, ma con vite difficili, nella serie di Watchmen, ispirata al fumetto di Alan Moore e Dave Gibbons. Osei-Kuffour aveva lavorato anche alla serie Amazon Hunters, con Al Pacino e Logan Lerman cacciatori di nazisti nell’America degli anni ’70, e al thriller poliziesco della HBO Run, con Domhnall Gleeson.

Fonte: THR

© RIPRODUZIONE RISERVATA