Questa volta Babbo Natale non sembra aver portato il regalo a De Sica e Pieraccioni. E se settimana scorsa ci chiedevamo se l’era dei cinepanettoni era finita, ora ne abbiamo una conferma quasi definitiva. Infatti, nonostante Vacanze di Natale a Cortina abbia scalato la classifica settimanale raggiungendo il secondo gradino del podio, il tradizionale film festivo con Christian De Sica si vede nuovamente superato da Sherlock Holmes: Gioco di ombre, incassando 2,1 milioni di euro e totalizzando 4,4 milioni in totale.

Ed è proprio questo totale il dato più significativo: nello stesso periodo di tempo, nel 2010, Natale in Sudafrica aveva totalizzato 10 milioni di euro circa, ovvero più del doppio.
Considerato che il film di Guy Ritchie con Robert Downey Jr. ha ottenuto un risultato solo poco al di sotto delle aspettative (2,4 milioni di euro, per un totale di 7,5 milioni finora), il grosso calo del cinepanettone spiega anche perché quest’anno gli incassi cinematografici delle feste siano diminuiti praticamente del 50% (anche se mancano ancora gli incassi del 26 dicembre, è improbabile che si recuperino i 10 milioni di euro in meno rispetto allo scorso anno: 20 contro 10): è mancato il “pubblico natalizio”, quello che va tipicamente al cinema una volta l’anno, a Natale, per vedere De Sica, Pieraccioni o Aldo, Giovanni e Giacomo. E che evidentemente tra disinteresse per questo genere di prodotto, ormai sempre più lontano dall’attualità sociale italiana, e paura della crisi economica, stavolta ha preferito restarsene a casa.

Weekend di magra, come detto, anche per il nuovo film di Leonardo Pieraccioni, Finalmente la felicità (1,5 milioni di euro), che ancora una volta viene lasciato indietro dallo spin-off animato Il gatto con gli stivali (1,7 milioni di euro). In quinta posizione entra Capodanno a New York con 730 mila euro, mentre il thriller politico con George Clooney e Ryan Gosling, Le idi di marzo, raggiunge quota 1,2 milioni di euro con i 383 mila euro del weekend. Non fa il botto, invece, il film d’animazione natalizio Il figlio di Babbo Natale (332 mila euro), seguito dal nuovo film di Woody Allen, Midnight in Paris (219 mila euro), la new entry con Antonio Banderas, Il principe del deserto (200 mila euro) e il divertente film muto in bianco e nero The Artist (79 mila euro).

Lasciano la top ten Il giorno in più (3,7 milioni in 4 settimane); Anche se è amore non si vede (5,8 milioni in 5 settimane) e Lo schiaccianoci 3D (1,2 milioni in 4 settimane).

La top ten italiana dal 23 al 25 dicembre 2011 (in euro):

  1. Sherlock Holmes: Gioco di ombre (2,4 milioni; 7,5 milioni in 2 settimane)
  2. Vacanze di Natale a Cortina (2,1 milioni; 4,4 milioni in 2 settimane)
  3. Il gatto con gli stivali (1,7 milioni; 4,8 milioni in 2 settimane)
  4. Finalmente la felicità (1,5 milioni; 3,8 milioni in 2 settimane)
  5. Capodanno a New York (new entry; 730 mila euro)
  6. Le idi di marzo (383 mila; 1,2 milioni in 2 settimane)
  7. Il figlio di Babbo Natale (new entry; 332 mila)
  8. Midnight in Paris (219 mila; 7,1 milioni in 4 settimane)
  9. Il principe del deserto (new entry; 200 mila)
  10. The Artist (79,9 mila; 367 mila euro in 3 settimane)

(Fonte: Cinetel)

© RIPRODUZIONE RISERVATA