captain america endgame

Il finale di Avengers: Endgame ha segnato l’addio (quasi certo) di Chris Evans al personaggio di Steve Rogers. Dopo aver riportato a posto le Gemme dell’Infinito nelle varie linee temporali, si è concesso un po’ di meritato riposo restando nel passato assieme a Peggy Carter. Ma come si lega questo alle novità introdotte dalla serie Loki?

ATTENZIONE: contiene spoiler sul primo episodio di Loki

La nuova serie Disney+ con Tom Hiddleston protagonista, infatti, nei suoi primi 50 minuti ha dovuto mettere bene in chiaro alcune regole della nuova ambientazione. La scena più importante è sicuramente quella che riguarda le Gemme dell’Infinito: chiuse in un cassetto, a manciate, e totalmente inutili nel mondo (quantico?) della Time Variance Authority. In maniera intelligente e spiritosa, Loki ha ridicolizzato le prime 3 Fasi e fatto capire subito che le vicende del Guanto dell’Infinito sono ormai storia passata.

Non solo però: Loki si lamenta con l’agente Mobius M. Mobius che sono gli Avengers che hanno violato la Sacra Linea Temporale con il loro Time Heist (che presumibilmente ha dedotto quando ha visto volare via la valigetta prima di fuggire col Tesseract). L’agente della TVA risponde però che tutto quello che è successo (e succederà, per la prospettiva di Loki) è stato in accordo con i Custodi del Tempo.

Con una sola frase, la Marvel ha di fatto giustificato tutti i possibili dubbi sui viaggi nel tempo visti sinora. Thanos che spazza via mezzo universo e il viaggio degli Avengers erano tutto parte di un disegno “approvato” dai Custodi, così come il fatto che Captain America sia poi tornato a mettere a posto le Gemme. Seguendo il ragionamento, quindi, diventa “canonica” anche la dibattuta decisione di Steve Rogers di fermarsi nel passato e vivere la sua vita con Peggy Carter.

Questo tecnicamente avrebbe dovuto far di lui una Variante: viaggiando indietro nel tempo e cambiando il corso delle cose, Rogers a rigor di logica dovrebbe aver creato una realtà parallela in cui ha vissuto con Peggy, per poi tornare in qualche modo al presente di Endgame e consegnare lo scudo – a meno che non fosse uno Skrull, come sostiene una teoria. Tutto fila solo se si dà per scontato che questo “lieto fine” fosse approvato dalla TVA, che magari ha evitato addirittura di resettare la linea temporale e permesso a quel Cap di diventare la versione anziana alla fine del film. In caso contrario, Steve Rogers sarebbe stato arrestato, secondo le nuove “regole” del gioco. 

A tal proposito, in un’intervista per un canale Youtube lo sceneggiatore della serie Michael Waldron ha evitato di rispondere alla domanda circa una possibile diramazione della linea temporale causata da Captain America: «Non penso di poter rispondere a questa domanda. Non penso di poter rispondere. Penso che forse… Sai, forse dovreste continuare a guardare la serie»

E così faranno i fan, che però probabilmente possono “mettersi il cuore in pace” e farsi andare bene che tutto quanto è successo durante Endgame sia accaduto “perché sì”, eventi approvati dai Custodi del Tempo.

Leggi anche: Captain America: è a causa di Steve Rogers se gli Eterni non sono comparsi prima nel MCU?

Foto: Marvel Studios

© RIPRODUZIONE RISERVATA