La protesta che qualche settimana fa ha bloccato la giornata di apertura del Festival di Roma 2010 oggi si estende in tutta Italia. Solo per oggi (almeno per il momento), il mondo dello spettacolo chiude i battenti. Cinema, teatri, sale da concerto, e set dei film scioperano per per protestare contro i tagli al settore stabiliti dal governo con la riduzione del 40% del contributo statale, sceso al minimo storico da 408 milioni di euro a 288 milioni di euro. Lo sciopero, organizzato dai sindacati confederali (Slc-Cgil, Fist-Cisl e Uilcom-Uil) vede aderire anche Agis e Anica. Questa mattina è prevista a Roma una manifestazione, dove registi, attori, autori e tecnici si riverseranno al cinema Adriano. A Milano, invece, è stato organizzato un convegno di protesta che vedrà la partecipazione anche de Il Piccolo Escobar, Lissner e l’attore italiano Toni Servillo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA