A mesi di distanza dall’uscita al cinema di Colpa delle Stelle, si continua a parlarne. Questa volta però non in termini positivi, per il successo al botteghino o per il tutto esaurito praticamente ovunque nel mondo. Ma per i toni, che secondo una mamma di Riverside, California, non sarebbero adatti per i bambini di una scuola media. Da qui, l’irrevocabile ban: il libro di John Green è stato vietato nelle scuole. La mamma, infatti, è riuscita a convincere insegnanti e dirigenza scolastica, e a far ritirare dalle biblioteche il best-seller.

La risposta dello scrittore non si è fatta aspettare: «Credo di essere sia felice che triste. Sono felice perché evidentemente la gente di Riverside, California, non ha mai provato dolore prima di leggere il mio libro, il che è stupendo. Ma sono anche triste perché speravo veramente di far capire ai bambini di Riverside che gli esseri umani muoiono, e di spezzare così una volta per tutte i loro sogni di immortalità».

Voi che cosa ne pensate? Giusto o sbagliato?

Leggi anche: La nostra recensione di Colpa delle Stelle

Fonte: Vanity Fair

© RIPRODUZIONE RISERVATA