Il debutto al box office americano di Pan – Viaggio sull’Isola che non c’è è stato piuttosto deludente, il blockbuster diretto da Joe Wright ha racimolato solo 15 milioni di dollari negli Stati Uniti per un totale di 40 milioni nel mondo (da sottolineare che il film non è ancora uscito in Cina).

Costato alla Warner Bros. ben 150 milioni di dollari, secondo quanto riportato dall’Hollywood Reporter, la major avrebbe investito altri 125 milioni per il marketing legato al film, perché a suo direPan doveva lanciare un nuovo franchise dedicato alle famiglie.

Il CEO degli studios, Kevin Tsujihara, aveva auspicato che il nuovo franchise potesse sostituire nei cuori dei fan (e nei portafogli della Warner) la saga di Harry Potter. Purtroppo quello che doveva essere un successo si è trasformato fin da subito in un flop, che potrebbe costare alla major fra i 130 e i 150 milioni di dollari, cifra provvisoria considerando che il film deve ancora debuttare su alcuni mercati e che nel conteggio sono già previste le entrate dall’home video e dalla vendita dei diritti televisivi.

Per la Warner Bros. Pan si rivela essere l’ennesimo fallimento: dopo Jupiter – Il Destino dell’Universo dei fratelli Wachowski e Operazione U.N.C.L.E. di Guy Ritchie, un ulteriore scelta sbagliata non ci voleva proprio. Tutte le speranze per un recupero sono ora nelle mani di tre grandi film che arriveranno nelle sale nel 2016: Batman v Superman: Dawn of Justice (24 marzo), Suicide Squad (17 agosto) e il primo film dell’attesissimo spin-off di Harry PotterGli Animali Fantastici: Dove Trovarli (11 novembre).

Pan uscirà nelle nostre sale solo il prossimo 12 novembre. Noi siamo molto curiosi di vederlo, e voi?

Fonte: THR

© RIPRODUZIONE RISERVATA