Kill Me Please, il violento film belga sull’eutanasia è miglior film per la giuria internazionale, presieduta da Sergio Castellitto, che ha assegnato anche il Premio Speciale della Giuria Marc’Aurelio al film tedesco The Poll Diaries di Chris Kraus. Giudizio unanime per pubblico e giuria: il Gran Premio della Giuria e il Premio del pubblico della quinta edizione del Festival Internazionale di Roma è Hævnen – In a Better World di Susanne Bier, il film danese capace di raccontare odio e violenza senza retorica. Toni Servillo per Una vita tranquilla di Claudio Cupellini ha vinto il premio per la miglior interpretazione maschile; mentre tutto il cast femminile del messicano Las Buenas hierbas ha conquistato il premio assegnato alla migliore attrice. Infine la Targa Speciale del Presidente della Repubblica Italiana al film che meglio mette in rilievo i valori umani e sociali è stato assegnata a Dog Sweat di Hossein Keshavarz, la coproduzione tra l’America e l’Iraq. Tra i premi assegnati anche per il miglior esordiente è il regista danese Kaspar Munk per Hold Om Mig, mentre il – Premio Marc’Aurelio al miglior documentario per la sezione L’Altro Cinema | Extra va a  De Regenmakers di Floris-Jan Van Luyn, storia di quattro attivisti cinesi in lotta per una Cina più ecologica.

Scopri tutte le ultime notizie sul Festival di Roma


© RIPRODUZIONE RISERVATA