Due anni dopo la conclusione di Breaking Bad, per Bryan Cranston è ancora un ottimo momento: lo abbiamo appena visto scatenarsi in quella che si preannuncia come un’interpretazione da Oscar nel trailer di Trumbo, è fra i doppiatori di Kung Fu Panda 3 e fra i protagonisti del dramma diretto da James Franco In Dubious Battle. Lanciato com’è, l’attore può permettersi anche di togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

In una recente intervista con Nerdist Podcast, Cranston ha parlato di Godzilla (2014) e ha ammesso il suo dispiacere per come il suo ruolo è stato gestito: «Il fatto che il mio personaggio sia morto a quel punto della storia è stato un errore. L’ho capito non appena l’ho letto. Ho detto: “Oh, alla 50esima pagina di sceneggiatura questa figura che era il cuore emotivo del film, che stava guidando il pubblico nella narrazione fino a quel momento, muore? Che spreco». Ha aggiunto: «Hanno affrontato il suo ruolo in maniera scarsa, è la mia unica critica perché penso fosse un film divertente, di gran successo. Gli ho detto che anche se non avessi accettato la parte, il personaggio non sarebbe dovuto morire a quel punto: si tratta di cattiva scrittura, ma ormai era troppo tardi. Io sono stato l’ultimo assunto perché stavo ancora girando Breaking Bad e loro hanno insistito. Alla fine, sono riuscito a farlo».

Cranston ha poi detto la sua spiegando il modo in cui la pellicola avrebbe potuto funzionare: «Il personaggio sarebbe dovuto rimanere con suo figlio, e così avrebbero iniziato a legare un po’ di più; poi avrebbero intrapreso questo viaggio insieme, per tornare a casa, in modo che lui avrebbe potuto riunirsi a suo nipote. E proprio quando avrebbero cominciato a riavvicinarsi e ad avere una relazione, il padre si sarebbe sacrificato per lui: ecco come sarebbe dovuto morire».

Non è il primo a lamentarsi del trattamento riservato al suo personaggio: anche Juliette Binoche si era detta un po’ amareggiata. In verità, però, l’opinione di Cranston all’epoca era molto diversa

E voi, siete d’accordo con lui?

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA