Grease, il film di Randal Kleiser con John Travolta e Olivia Newton-John, è un classico del musical amato da schiere di fan fin dalla sua uscita, nel 1978. Negli ultimi giorni, però, è tornato ad essere al centro del dibattito in Gran Bretagna perché centinaia di spettatori, dopo averlo visto in onda sulla BBC durante le feste natalizie, l’hanno criticato accusandolo di sessismo e misoginia. Il film racconta di un gruppo di studenti delle scuole superiori nell’America degli anni ’50, concentrandosi in particolare sulla storia d’amore tra la dolce e ingenua Sandy (Olivia Newton-John) e il ben più navigato Danny (John Travolta).

Le critiche sono rivolte soprattutto ad alcuni passaggi del film, come la scena in cui uno dei ragazzi, Putzie, si sdraia per sbirciare sotto le gonne di due studentesse, o il fatto che Sandy sia vittima di bullismo per essere vergine mentre Rizzo (Stockard Channing) lo sia, al contrario, per essere attiva sessualmente. Gli spettatori britannici hanno anche fatto notare che Grease contiene una frase dai risvolti omofobi: è quella pronunciata dall’annunciatore radiofonico Vince Fontaine per avvisare gli studenti, al ballo studentesco, di non formare coppie dello stesso sesso.

E non solo: il film sui social è stato definito addirittura “rapey”, ovvero portato a incitare allo stupro, proprio per un verso del brano più celebre di tutto il musical, Summer Nights, in cui Danny descrive ai suoi amici come ha sedotto Sandy e il coro di ragazzi chiede “Tell me more, tell me more, did she put up a fight?”, cioè, in pratica se lei si sia ribellata o abbia protestato.

I media britannici hanno rilanciato le critiche chiedendo agli spettatori, sempre tramite i social media, se ritenessero opportuno addirittura bandire il film per sempre dalla televisione. La risposta è stata netta: assolutamente no, perché anche se Grease appare datato nei confronti di molti temi verso i quali fortunatamente la sensibilità collettiva è cambiata, rimane un classico. La posizione dei più è riassunta nel tweet di uno spettatore: «Non sono offeso da Grease, né voglio che venga ‘cancellato’ o ‘bandito’, ma guardandolo ora vedo scene problematiche che mi fanno rabbrividire quando lo guardo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA