«L’idea per la trama del secondo episodio mi è venuta mentre lavoravo ancora al primo e, forse, potrei spingermi anche oltre». James Gunn, regista de Guardiani della Galassia, racconta dal Tokyo Film Festival i suoi piani per il sequel e pronostica un inizio à-la-Mission: Impossible che si apre con uno scenario di morte (ma riprende lo scherzo di qualche tempo fa).

Nel prossimo episodio alcuni personaggi verranno analizzati in modo più puntuale e, probabilmente, ne spunteranno di nuovi. Più che un semplice sequel, sembra che in cantiere ci sia una trilogia. La questione è se l’estroversa indipendenza creativa del regista possa andare bene alla Marvel. Di certo, James Gunn dovrà attenersi al tracciato del produttore, mantenendo un equilibrio tra le spinte individuali e quelle della casa madre, soprattutto per quanto riguarda alcune scelte di budget.

Ma il regista rassicura: «Se dovessi fare qualcosa a basso costo, probabilmente cambierei mezzo. Forse, sarei più interessato alla televisione, a qualcosa di nuovo che non ho ancora sperimentato». Dunque non c’è nulla da temere, le imprese intergalattiche di Star-Lord e Co. torneranno sul grande schermo per opera sua.

Fonte: CBM

© RIPRODUZIONE RISERVATA