In occasione dell’uscita di Harry Potter e i doni della morte – Parte 1, vi regaliamo alcuni stralci del pressbook ufficiale del film diretto da David Yates (del quale abbiamo recentemente riportato alcune dichiarazioni).

DANIEL RADCLIFFE

Ha interpretato il ruolo di Harry Potter in tutti i film tratti dai libri di J.K. Rowling, a iniziare dal 2001, con “Harry Potter e la pietra filosofale”, seguito poi da “Harry Potter e la camera dei segreti”, “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”, “Harry Potter e il calice di fuoco”, “Harry Potter e l’ordine della fenice” e “Harry Potter e il principe mezzosangue”. Completerà il suo lavoro con l’episodio finale della serie, “Harry Potter e i doni della morte – Parte 2”, che uscirà nel luglio 2011. Nel 2008, Radcliffe ha esordito a Broadway con il ruolo di Alan Strang nel lavoro di Peter Shaffer “Equus”, che gli ha fatto vincere il premio come miglior attore protagonista dell’Annual Theatre Fan Choice, organizzato da Broadway World, e quello dei Broadway.Com Audience Awards, e ottenere candidature ai Drama League e ai Drama Desk. L’anno prima, Radcliffe aveva ottenuto analogo successo nello stesso ruolo nel revival londinese di “Equus”, che ha segnato il suo esordio al West End. Sia la produzione londinese che quella di Broadway sono state dirette da Thea Sharrock e interpretate anche dal premio Tony Richard Griffiths. Nella primavera del 2011, Radcliffe tornerà a Broadway per interpretare il revival di “How to Succeed in Business Without Really Trying”, che sarà il suo primo musical a Broadway, diretto e coreografato dal premio Tony Rob Ashford. Al cinema, Radcliffe interpreterà il thriller indipendente “The Woman in Black”, attualmente in lavorazione in Gran Bretagna, per la regia di James Watkins. Tra i suoi lavori ricordiamo poi il film indipendente australiano “December Boys” e il ruolo di Jack Kipling nel telefilm “My Boy Jack”, sul figlio diciassettenne di Rudyard Kipling, Jack, e l’effetto devastante che ebbe sulla famiglia la sua morte nella Prima guerra mondiale. Il film era interpretato anche da Kim Cattrall, Carey Mulligan e David Haig. Da sempre appassionato della serie “I Simpsons”, Radcliffe ha appena prestato la sua voce al personaggio del vampiro Edmund per lo special di “Treehouse of Horror XXI”, intitolato “Tweenlight”. Radcliffe è apparso anche nella pluripremiata serie di BBC/HBO “Extras”, con Ricky Gervais, ed è stato il giovane David Copperfield nella presentazione di BBC/PBS del romanzo di Charles Dickens.

RUPERT GRINT

Ha interpretato il ruolo di Ron Weasley, amico fedele e compagno di scuola di Harry Potter in tutti i film della serie e lo farà anche nell’ultimo episodio, “Harry Potter e i doni della morte – Parte 2”. Attualmente, Grint è impegnato nelle riprese della commedia d’azione indipendente “Wild Target”, diretta da Jonathan Lynn, con Bill Nighy e Emily Blunt, un remake del film francese del 1993 “Cible émouvante”. Grint ha esordito nel cinema con il ruolo di Ron Weasley nel 2001, in “Harry Potter e la pietra filosofale”, che gli ha portato una candidatura ai British Film Critics’ Circle Award come miglior esordiente e uno Young Artist Award come miglior promessa. Da allora ha interpretato “Harry Potter e la camera dei segreti”, “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”, “Harry Potter e il calice di fuoco”, “Harry Potter e l’ordine della fenice” e “Harry Potter e il principe mezzosangue”. Nel 2006, la famosa rivista inglese di cinema, Empire, ha premiato Grint, Daniel Radcliffe e Emma Watson con il prestigioso Outstanding Contribution Award per le loro performances in tutti i film di Harry Potter. Tra i film di Grint ricordiamo “Pantaloncini a tutto gas”, di Peter Hewitt, con Simon Callow, Stephen Fry e Paul Giamatti; “In viaggio con Evie”, di Jeremy Brock, con Julie Walters e Laura Linney; e l’indipendente “Cherrybomb”, presentato con successo a vari festival in Gran Bretagna e in Europa.

EMMA WATSON

Ha interpretato il ruolo di Hermione Granger, amica devota sia di Harry Potter che di Ron Weasley, in tutti i film di Harry Potter e lo farà anche nell’episodio finale, “Harry Potter e i doni della morte – Parte 2”. Watson ha prestato la sua voce alla Principessa Pea nel film d’animazione del 2008 “Le avventure del topino Despereaux” e ha interpretato, con Victoria Wood, Richard Griffiths e Emilia Fox, il ruolo di Pauline Fossil nel dramma della BBC “Ballet Shoes”. Watson ha esordito nel cinema con il primo film di Harry Potter, “Harry Potter e la pietra filosofale”, che le ha fatto vincere uno Young Artist Award come miglior giovane attrice. Watson ha anche ottenuto due candidature ai Critics’ Choice Award della Broadcast Film Critics Association per il suo lavoro in “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” e “Harry Potter e il calice di fuoco”. Inoltre, Watson ha vinto due AOL Awards consecutivi come miglior attrice non protagonista, il primo per “Harry Potter e la camera dei segreti” e il secondo per “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”. Poi i lettori della rivista Total Film l’hanno votata come migliore giovane attrice per il suo lavoro in quest’ultimo film. Nel 2006, Empire, importante rivista di cinema americana, ha assegnato collettivamente a Watson, a Daniel Radcliffe e a Rupert Grint l’ Outstanding Contribution Award per il loro lavoro nei film di Harry Potter. Oltre alla recitazione, un’altra passione di Watson è la moda. Infatti lavora a stretto contatto con Fair Trade e il produttore di tessuti naturali People Tree per aiutarli a creare una nuova linea di moda per teenager e ha presentato le campagne autunno-inverno 2009 e primavera-estate 2010 per Burberry. Attualmente Watson è negli Stati Uniti per studiare lettere alla Brown University.

Il pressbook è diviso in capitoli. I primi sei capitoli svelano molte curiosità sulla trama (ATTENZIONE SPOILER):

  1. La fine ha inizio (Dividere il libro in due film? «Era l’unico modo in cui potevamo raccontare la storia in modo completo e appagante», parola di Daniel Radcliffe)
  2. Riunioni di famiglia (Mangiamorte a Villa Molfoy, L’Ordine alla nuova Tana dei Weasley)
  3. Nessun luogo è sicuro (Piccadilly Circus al Ministero della magia, sotto mentite spoglie…)
  4. Nella foresta (“Se qualcuno ha indosso un Horcrux, diventa immediatamente furioso e paranoico, orribile insomma”)
  5. Dove è iniziato (Godric’s Hollow e la trappola di Bathilda Bagshot)
  6. I doni della morte (Harry, Ron e Hermione a casa Lovegood, alla ricerca di una risposta…)
  7. I tre protagonisiti (Tutto su Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint)
  8. David Yates (Tutto sul regista dell’epilogo della saga magica…)
© RIPRODUZIONE RISERVATA