In occasione dell’uscita di Harry Potter e i doni della morte – Parte 1, vi regaliamo alcuni stralci del pressbook ufficiale del film diretto da David Yates (del quale abbiamo recentemente riportato alcune dichiarazioni).

Finalmente Harry è in possesso del terzo Horcrux, ma questo avrà conseguenze inaspettate per i tre amici che hanno condiviso un legame solidissimo…fino ad ora. L’Horcrux è un frammento dell’anima malvagia di Voldemort, quindi intensifica le emozioni negative di chi gli è vicino. “Se qualcuno lo ha indosso, diventa immediatamente furioso e paranoico, orribile insomma”, rivela Radcliffe. A peggiorare la situazione, quando i giovani maghi cercano di distruggerlo, scoprono che rende più difficile praticare incantesimi. “Può essere distrutto solo dalla spada di Grifondoro, che, ovviamente, è scomparsa”, dice Radcliffe. Ron sembra particolarmente sensibile ai poteri dell’Horcrux. “E’ un momento di grande tensione, perché sono soli e Ron è preoccupato per la sua famiglia e frustrato per gli scarsi progressi che sono stati fatti. Ma il medaglione intensifica tutti i suoi sentimenti e arriva addirittura a pensare che ci sia del tenero tra Harry e Hermione. Quindi scoppia un litigio furioso tra Ron e Harry”, afferma Grint. “Non sono mai stati soli come lo sono nella prima parte di ‘I doni della morte’”, ricorda David Barron. “Hanno sempre avuto la protezione di qualcuno, e quando si ritrovano isolati e in pericolo di vita i tre si allontanano uno dall’altro, anche a causa dei poteri maligni dell’Horcrux”. Completamente soli in una radura, almeno hanno un riparo, grazie all’ingegnosità di Hermione che, prima di lasciare la Tana, ha usato un incantesimo per trasformare la sua borsetta di perline in un vero pozzo senza fondo che contiene di tutto, da abiti puliti a libri, radio e perfino una tenda da campo. “Qualsiasi donna adorerebbe la borsa di Hermione, perché può trasportare di tutto e non pesa per niente”, dice ridendo Watson. “Lei è molto intelligente, sempre preparata e un passo avanti a tutti”. Però Hermione non è preparata allo scontro che scoppia tra Ron e Harry. Quando Ron se ne va, le si spezza il cuore. “E’ distrutta e si sente abbandonata, la gelosia di Ron e le sue accuse l’hanno ferita profondamente”, dice Watson. Rimasti soli, Harry e Hermione condividono un momento che Yates definisce “un modo di caratterizzare il loro rapporto. Steve (Kloves) ed io abbiamo voluto una scena che mostrasse quanto sono vicini senza bisogno di parole. Hermione è sconvolta dall’abbandono di Ron. La radio trasmette della musica e Harry cerca di alleviare il suo dolore invitandola a ballare, come fanno tutti i ragazzi. E’ quello che bisogna fare per un’amica e Dan ed Emma lo fanno in modo tenero e commovente”. Le scene iniziali della foresta sono state girate a Burnham Beeches, nel Buckinghamshire e Craig ha voluto che dall’esterno la tenda apparisse come una classica canadese a due posti. Ma, per magia, l’interno è invece stupendo, con tante stanze fornite di mobili. Stuart Craig dice: “E’ merito di Eduardo Serra, che ha fotografato la tenda in modo perfetto, con la luce che cambia dal giorno alla notte e con le stagioni. E’ straordinario quanta visualità si può ricavare da qualche telo di stoffa”.

Il pressbook è diviso in capitoli. I primi sei capitoli svelano molte curiosità sulla trama (ATTENZIONE SPOILER):

  1. La fine ha inizio (Dividere il libro in due film? «Era l’unico modo in cui potevamo raccontare la storia in modo completo e appagante», parola di Daniel Radcliffe)
  2. Riunioni di famiglia (Mangiamorte a Villa Molfoy, L’Ordine alla nuova Tana dei Weasley)
  3. Nessun luogo è sicuro (Piccadilly Circus al Ministero della magia, sotto mentite spoglie…)
  4. Nella foresta (“Se qualcuno ha indosso un Horcrux, diventa immediatamente furioso e paranoico, orribile insomma”)
  5. Dove è iniziato (Godric’s Hollow e la trappola di Bathilda Bagshot)
  6. I doni della morte (Harry, Ron e Hermione a casa Lovegood, alla ricerca di una risposta…)
  7. I tre protagonisiti (Tutto su Daniel Radcliffe, Emma Watson e Rupert Grint)
  8. David Yates (Tutto sul regista dell’epilogo della saga magica…)
© RIPRODUZIONE RISERVATA